Sanremo via dalla Rai? Ecco cosa potrebbe succedere già dal prossimo anno

Con Amadeus fuori dai giochi il Festival di Sanremo si sente orfano più che mai. Ancora più sola si sentirà casa Rai se dovesse perdere, oltre al presentatore, anche l’accordo per la trasmissione del concorso canoro più importante d’Italia. Fiorello, fra una battuta e l’altra, ha provato a fare il punto della situazione!
Una foto del teatro Ariston durante il Festival di Sanremo

La Rai sembra essere in una continua crisi. Da Sanremo in poi è una valanga in discesa libera: Ghali e Mara Venier, il cappello nella serie Gloria, l’addio di Amadeus. E ora, proprio Sanremo torna ad essere al centro del dibattito: cosa sarà del Festival della canzone italiana? Pare che gli accordi con la Rai scadano nel 2025, quindi migrerà anch’esso altrove insieme ai finora protagonisti della tv di Stato ?

A prendere la parola sulla questione, con l’ironia sorniona che lo contraddistingue, è proprio Fiorello. Un diretto interessato che di Sanremo se ne intende (vi ricordate del Ballo del qua qua?) e che, prima di concludere il 10 maggio il suo programma Viva Rai 2 si è preso spazio per alcune ipotesi. In un primo momento la mette piuttosto grave, e con serietà dichiara:La convenzione scadrà nel 2025 e il sindaco dice che se ne occuperà la prossima giunta. Il mondo discografico giudica le strutture obsolete e spinge per spostare il festival

Poi la spara grossa per sdrammatizzare: “Si sa solo che c’è un cambio di nome e da lì si può fare qualche deduzione: si chiamerà Pier Festival“. Per ipotizzare la migrazione da Rai a Mediaset Fiorello ironizza sul nome del Festival che richiama quello di Pier Silvio Berlusconi, amministratore delegato di Mediaset.

Lo show-man siciliano ovviamente ha continuato a fare ironia sul calciomercato televisivo a cui stiamo assistendo in quest’ultimo anno. Dopo Fabio Fazio con Che tempo che fa anche Amadeus ha da pochissimo ufficializzato il suo passaggio a Nove. Fiorello allora commenta: “Anche Floris andrà al Nove, ma qual è la notizia delle notizie? Che la Warner sta tentando di acquistare il polo giornalistico di La7. Se tu vedi Mentana, ha già il cartellino scontato del 20%. Appena si comprano tutta l’informazione, hanno già fatto il terzo polo”. 

Insomma, ironia a parte, in tutto questo c’è sicuramente un fondo di verità e Fiorello riesce bene ad esprimere la confusione che sembra stia vivendo la tv italiana. Soprattutto quella di Stato. E se anche Sanremo dovesse lasciare le fila di casa Rai vivremo, nei prossimi anni, uno scenario completamente nuovo. Che sia l’inizio della fine?

Facebook
Twitter