Roland Emmerich su Indipendence Day: “Non volevano Will Smith”

Sono passati venticinque anni dall’uscita di Independence Day e Roland Emmerich, regista della pellicola, ha ricordato il duro braccio di ferro che dovette portare avanti con lo studio per avere Will Smith:

Ethan Hawke era uno dei nomi della nostra lista, ho pensato all’epoca che fosse troppo giovane. Era piuttosto chiaro che i protagonisti dovessero essere Will Smith e Jeff Goldblum. Quella era la combinazione a cui avevamo pensato. Lo studio ha detto ‘No, non ci piace Will Smith. Non ha dimostrato di essere adatto. Non funziona sui mercati internazionali’“.

Lo sceneggiatore Dean Devlin senza giri di parole ha affermato:

Hanno detto ‘Se scegli un tizio nero per la parte, si uccideranno i risultati ai box office internazionali’. Le nostre motivazioni erano ‘Beh, il film è sugli alieni. Andrà bene sul mercato internazionale’. Si è trattato di una dura lotta, e Roland Emmerich ha difeso realmente Will Smith e alla fine abbiamo vinto quella guerra“.

Roland EmmerichRoland Emmerich ha poi raccontato come riuscì ha convincere lo studio:

Eravamo arrivati a poco prima dell’inizio delle riprese e non avevamo ancora assunto Will e Jeff. Mi sono imposto ‘Le persone di Universal stanno chiamando ogni giorno, quindi datemi questi due attori o andrò a lavorare per loro’. Non penso sarebbe stata una possibilità realizzare il progetto per un altro studio, ma è stata una grandiosa minaccia“.

Infine il regista ha rivelato un aneddoto su Steven Spielberg:

Spielberg ci ha invitati sul set di Jurassic Park 2 e la prima cosa che ha detto a me e Dean è stata ‘Avete reinventato i blockbuster. Dopo questo film nessuno potrà più fare un blockbuster normale“.

E voi, cosa ne pensate di queste dichiarazioni di Rolandd Emmerich su Independence Day?
Vi è piaciuto questo articolo?
Fatecelo sapere nei commenti. Per questa ed altre news e per rimanere sempre aggiornati sul mondo del cinema attraverso focus, classifiche e recensioni, veniteci a trovare sul nostro sito: Ciakclub.
Facebook
Twitter