Rocketman, la storia vera di Elton John: differenze tra film e realtà

Rocketman, uscito nel 2019 per la regia di Dexter Fletcher, è il biopic che racconta la vita di Elton John. Non essendo un documentario, il regista non ha mai dichiarato di aver riportato sullo schermo una versione fedele della vita del cantante. Vediamo insieme quali e quante libertà si à preso.
Taron Egerton nei panni di Elton John nel film Rocketman

Rocketman è stato visto da praticamente chiunque, fan e non fan di Sir Elton John. L’influenza culturale e musicale dell’artista sono state tali da meritare di finire in un film dedicato quasi completamente a questi fattori. Rocketman racconta il ruolo nell’industria musicale di John, ma anche la sua vita privata, le sue battaglie interiori, le sue delusioni e cadute e i suoi momenti di maggior successo. Ma quanto di tutto quello che vediamo sullo schermo è accaduto davvero e quanto, invece, è puramente frutto della fantasia del regista?

La trama di Rocketman

Il film si sviluppa quanto segue: all’inizio degli anni ’80 un Elton John appena sceso dal palco si reca in riabilitazione ancora vestito da concerto. Sconvolto, sente la necessità di raccontarsi e mettersi a nudo, per poter capire meglio le radici del male che prova. Elton John, che prima si chiamava Reginald Dwight, non ha vissuto un’infanzia particolarmente felice. I genitori divorziati per via del tradimento della madre hanno portato il ragazzo a essere molto timido, chiudendosi nella musica e nel pianoforte.

Qualche anno dopo la nonna lo iscrive alla Royal Academy of Music dove il giovane si appassiona al rock. Inizierà a suonare in locali di zona fino a quando verrà notato da un importante manager. Nel 1964 incontra Bernie Taupin, scrittore di canzoni e colui che diventerà il suo principale collaboratore. Nel 1970 scrivono Your Song che ha un successo planetario. Dopo l’uscita del singolo John viene invitato a suonare al Troubadour, storico locale di Los Angeles. Dopo l’esibizione Elton incontrerà il manager John Reid, con il quale inizierà una relazione.

La relazione con Reid si fa presto tossica. Il rapporto con i genitori si deteriora e la richiesta di performanza necessaria per concerti ed esibizioni si sta facendo molto alta. Elton cade in depressione, in preda all’abuso di alcool e droghe. Tenterà il suicidio, fallendo, per poi capire che è arrivato il momento di farsi aiutare. Torniamo in riabilitazione. Elton riuscirà a ripulirsi, rimanere sobrio, sposarsi con qualcuno che lo ama e riappacificare i vecchi rapporti rovinati.

Principali differenze

Taron Egerton è Elton John in Rocketman

Il film, proprio come disse l’attore protagonista, non si vuole presentare propriamente come un biopic. Il regista Dexter Fletcher, infatti, spiega che il film intende riportare sullo schermo delle emozioni, non dei fatti. Rocketman vuole ricreare il più fedelmente possibile ciò che il suo protagonista ha provato e vissuto. Ovviamente non ha mai iniziato a lievitare suonando il pianoforte durante un concerto. Nello stesso modo Elton John non ha mai incontrato John Reid ad una festa dopo l’esibizione al Troubadour. L’ha conosciuto l’anno prima, a una festa di natale.

Sempre in ambito amoroso nel film Elton John e Renate Blauel si sposano verso la fine degli anni ’70. In realtà i due si sono sposati nel 1984, per divorziare quattro anni dopo. Un altro fattore puramente filmico è la sua entrata in rehab vestito da esibizione. Non è mai successo niente di tutto ciò. Fletcher ha voluto portare sullo schermo dei ricordi, non dei fatti oggettivi. “Per quello ci sono i documentari” dice. E, in effetti, se il regista si sente in dovere di aggiungere sequenze visivamente divertenti o dettagli narrativi più scorrevoli, essendo biopic dovrebbe sentirsi libero di farlo. Ultimamente i biopic vanno di moda, stanno continuando ad annunciarne e incassano ogni volta un sacco di soli. Ci sta che le regole di questo genere debbano ancora essere del tutto scritte.

Voi cosa ne pensate? Rocketman andrà in onda oggi 15 Dicembre 2023 alle ore 21:08 sul canale 27 del digitale terreste.

Facebook
Twitter