Questi 10 camei nascondono un omaggio che vi spezzerà il cuore

Da sempre presenti all’interno di film e serie TV, negli ultimi anni elemento imprescindibile all’interno di molti prodotti. I cameo ma anche gli omaggi solleticano l’attenzione dei cinefili ma ce ne sono alcuni talmente emozionanti e pieni di significato da spezzare il cuore.
Chadwick Boseman (T'Challa) in Black Panther: Wakanda Forever, Il Genio (Robin Williams) in Once Upon a Studio, Jude Law in Parnassus e Val Kilmer (Iceman) in Top Gun: Maverick fra i camei più toccanti della storia del cinema

Per definizione un cameo è una breve apparizione all’interno di un prodotto audiovisivo che spicca nonostante un ruolo minore. Ecco, in questo caso abbiamo aggirato in parte la definizione ampliando il concetto alla presenza, fugace o corposa che sia, di un personaggio, di un attore, che non può che suscitare forte emozioni, occupando un posto nel cuore degli spettatori. Preparate quindi i fazzoletti per 10 tra camei ed omaggi più commoventi degli ultimi anni.

Angela Lansbury in Glass Onion – Knives Out

Angela Lansbury in una scena del film Glass Onion - Knives Out

Una carriera cominciata negli anni ‘40 tra cinema, televisione, teatro e doppiaggio, ma Angela Lansbury è e rimarrà per sempre la Signora in Giallo. Venuta a mancare nell’ottobre 2022, l’ultimo saluto all’attrice sul grande schermo è avvenuto in un film che per il genere di appartenenza omaggia proprio la serie whodunit che l’ha resa iconica. In Glass Onion – Knives Out, distribuito nel mese di dicembre, la Lansbury compare sullo schermo del portatile del protagonista Benoit Blanc (Daniel Craig) nei panni di sé stessa mentre sono in chiamata Zoom insieme a Natasha Lyonne, Kareem Abdul-Jabbar e Stephen Sondheim.

Carrie Fisher in Star Wars – L’ascesa di Skywalker

Carrie Fisher in una scena del film Star Wars - L’ascesa di Skywalker

Evitiamo ogni possibile commento su quello che, al momento, in attesa della “trilogia” atipica, è l’ultimo film di Star Wars, rimanendo in topic per quello che non è un cameo, né una comparsata, ma viste le dinamiche è perfettamente attinente al tema. Carrie Fisher infatti ci ha lasciato nel 2016, poco prima del rilascio di episodio 8 e quindi, per poter comparire in alcune scene del successivo e conclusivo episodio 9 nel 2019, sono stati utilizzati dei filmati di repertorio. E durante L’ascesa di Skywalker giunge anche il momento del saluto con il leggendario personaggio della Fisher, la principessa Leia Organa.

Chadwick Boseman in Wakanda Forever

Il volto di Chadwick Boseman in una scena del film Wakanda Forever

Quando è stata riportata a fine agosto 2020, la notizia della dipartita di Chadwick Boseman è arrivata come un fulmine a ciel sereno. L’attore fortemente legato al personaggio di Black Panther doveva essere tra i nomi da cui ripartire nel nuovo corso Marvel, purtroppo però la malattia tenuta nascosta da tempo ha deciso diversamente. Ecco che Wakanda Forever, oltre allo scomodo compito di sequel di uno dei maggiori successi commerciali del MCU, è condizionato dalla perdita del suo eroe. Il simbolico e rispettoso funerale nell’incipit conferisce però un’emozione che pervade tutto il film, commuovendo ogni appassionato.

Christopher Reeve in Smallville

Christopher Reeve in una scena della serie Smallville

Il primo Superman apparso al cinema nel celebre film di Richard Donner ha il volto di Christopher Reeve che per la cultura pop rappresenta ancora oggi la versione migliore dell’Azzurrone. Il legame di Reeve con il kryptoniano però non è limitato alla tetralogia, infatti come dimenticare la partecipazione, anche se solo in due episodi, alla serie che Superman lo presenta, ovvero Smallville. In questa Reeve interpreta il dottor Virgil Swann, personaggio importante nel rivelare informazioni al Clark Kent di Tom Welling. Una doppia comparsa tra il 2003 ed il 2004 che coincide con la morte dell’attore, da tempo in sedia a rotelle a causa di una lesione del midollo spinale cervicale.

Harold Ramis in Ghostbusters Legacy 

Harold Ramis e Mckenna Grace in una scena del film Ghostbusters: Legacy

Quando si toccano certi franchise è fondamentale averne grande rispetto, lo stesso adoperato nell’operazione legata a Ghostbusters Legacy. Continuazione dei due film degli anni ‘80 diretti da Ivan Reitman, il film prende in eredità quanto sceneggiato proprio da Harold Ramis, mancato nel 2014, e quanto lasciato dal suo personaggio, Egon Spengler. All’interno del film diretto da Jason Reitman, figlio di Ivan, lo spirito di Egon appare affiancando per l’ultima volta gli acchiappafantasmi. Anche se in versione fantasmatica ricreata in CGI, vedere Ramis impugnare il blaster protonico può causare perdite dai dotti lacrimali.

Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrell in Parnassus

Heath Ledger in una scena del film Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo

Quando si nomina Heath Ledger la prima immagine che balza alla mente è quella del Joker ne Il cavaliere oscuro, uscito effettivamente postumo alla morte dell’attore, ma non è il solo. Nel 2009, dopo una lunga pausa e alcuni rimaneggiamenti alla sceneggiatura, proprio per l’addio al talentuoso attore, arriva nei cinema Parnassus. Un particolare ma tipico film di Terry Gilliam, al confine tra sogno e realtà, nel quale per ovviare alla morte di Ledger, anziché sfruttare la computer grafica, sono intervenuti tre volti noti dello spettacolo. Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrell hanno infatti gratuitamente interpretato le diverse incarnazioni del personaggio, rendendo possibile l’ultimo ruolo di Heath Ledger.

Paul Walker in Fast and Furious 7

Paul Walker in una scena del film Fast and Furious 7

It’s been a long day without you, my friend”. Lasciamo da parte i camei per qualcosa di più intenso. Il brano See You Again di Wiz Khalifa con Charlie Puth racconta e trasmette tutto l’affetto per Paul Walker, alias Brian O’Conner nella saga di Fast and Furious. Il destino beffardo ha voluto che l’attore perdesse la vita in un fatale incidente stradale mentre il settimo capitolo era ancora in produzione. Sostituito dal fratello Cody con l’apporto della CGI, le scene conclusive del film con il quadretto di famiglia preparano la strada al momento in cui la macchina di Paul e quella di Vin Diesel si separano dopo un ultimo sguardo fraterno.

Robin Williams in Once Upon a Studio

Il Genio (Robin Williams) in una scena del corto Disney Once Upon a Studio

Talvolta per emozionare non serve nemmeno un’immagine ma basta una voce che evochi ricordi. Per l’anno del centenario la Disney ha creato un delizioso corto nel quale appaiono senza concedere un attimo di respiro tutti i personaggi che hanno costellato la storia degli studios. Tra questi non poteva assolutamente mancare il Genio di Aladdin, in originale doppiato dall’unico e solo Robin Williams che conferisce tutta la sua vivacità e comicità al personaggio. Ebbene, nell’epoca dove spopola l’inappropriato utilizzo delle IA, la voce dell’attore toltosi la vita nel 2014 è stata ricreata attingendo da alcuni estratti registrati per il classico del 1992, per uno dei camei recenti più apprezzati.

Stan Lee in Spider-Man: Un nuovo universo

Stan Lee in una scena del film Spider-Man: Un nuovo universo

È l’uomo dei camei, colui che ne ha alimentato la ricerca ed il gusto nel trovarli in ogni pellicola. Fino alla sua scomparsa nel 2018, Stan Lee è comparso fugacemente in tutti i prodotti appartenenti all’universo Marvel. Creatore in collaborazione con Steve Ditko del personaggio di Spider-Man, l’omaggio al soprannominato Excelsior all’interno del film animato targato Sony è il perfetto saluto ad una delle menti che ha permesso il successo dei supereroi in ogni loro forma. Stan nella scena afferma “mi mancherà molto, eravamo buoni amici” , noi non possiamo che sorridere ringraziandolo per l’uomo ragno e non solo, riguardando emozionati tutti i suoi camei.

Val Kilmer in Top Gun Maverick

Val Kilmer (Iceman) e Tom Cruise in una scena del film Top Gun Maverick

Può sembrare di cattivo gusto inserire Val Kilmer alla fine di questo breve elenco. L’intenzione, senza che sia necessario precisarlo, non vuole essere malaugurante. Eppure alla luce della commozione provocata sul set e diffusa nei cinema, la scena con protagonista Maverick e Iceman non può lasciare indifferenti. Operato d’urgenza per un cancro alla gola, Kilmer non è praticamente più in grado di usare la sua voce, per questo vedere il suo alter ego su schermo assumere e rappresentare la sua stessa condizione ha aggiunto ancora più nostalgia ad un titolo che ne trasuda.

Questi dunque alcuni dei camei ed omaggi più toccanti che siamo certi abbiano spezzato il cuore a molti. Voi ne ricordati altri in particolare? Quali vi hanno commosso di più?

Facebook
Twitter