Quando Michael Caine fu scambiato per uno spacciatore

Michael Caine, che molti di voi lo ricorderanno come l'Alfred di Batman, durante la sua vita è stato scambiato per uno spacciatore. L'aneddoto è molto divertente soprattutto nel sentirlo raccontare direttamente da lui.
Michael Caine interpreta Alfred nel film Il Cavaliere oscuro - il ritorno

Michael Caine, l’Alfred di Batman di Christopher Nolan è stato scambiato per uno spacciatore almeno una volta nella sua vita a causa del suo cognome. Confondere la parola cocaine con caine è abbastanza facile, soprattutto se ciò avviene durante una festa con tante persone che parlano. L’attore, dal grande senso dell’umorismo, ha raccontato questo aneddoto della sua vita durante un’intervista al The Graham Norton Show. L’attore ricorda di quando durante una festa elegante venne scambiato per uno spacciatore dalla padrona di casa.

Michael Caine mentre stava girando un film nelle Filippine venne invitato, insieme a tutti i membri del casta, ad una festa lussuosa a Manila. Durante i festeggiamenti Caine è stato presentato e invitato a brindare dai suoi amici. Dopo il brindisi, la padrona di casa lo ha invitato a raggiungerla per chiedergli se fosse uno spacciatore, dato che tutti lo chiamavano “My Cocaine“, in italiano “mia cocaina”. La pronuncia inglese di Caine e cocaina è molto simile, quindi l’errore della padrona di casa è perdonabile soprattutto per aver reso il momento molto divertente per l’attore.

Qui sopra potete vedere e ascoltare il racconto di Michael Caine e ridere con lui di questo episodio. Il nostro Alfred si è ritirato da poco dalle scene cinematografiche – anche se si parla di un ultimo film in cui dovrebbe apparire – e per quanto possa dispiacerci non possiamo non accettare la sua decisione. “Ho 90 anni, non riesco neanche a camminare come si deve. Mi sento già in pensione“.

A Michael Caine il nostro augurio di una meritatissima pensione. Fa strano pensare che appena qualche mese fa festeggiavamo proprio i suoi 90 anni ripercorrendo una delle fasi più importanti della sua carriera, per come l’ha mantenuto noto al grande pubblico dei giorni nostri.

Facebook
Twitter