Coronavirus: i Pink Floyd rendono disponibili online i loro concerti

Per intrattenere le persone nel periodo di quarantena sono scesi in campo, nel corso delle settimane, diversi musicisti e gruppi musicali, che hanno reso disponibili online i video dei proprio concerti più noti.
Erano in molti a sperare che anche i Pink Floyd aderissero a quest’iniziativa e rendessero disponibili online i video dei loro leggendari concerti e i Pink Floyd hanno soddisfatto le aspettative dei fan. Dalla giornata di ieri, 17 aprile, per quattro settimane, il gruppo rock britannico metterà a disposizione i video dei loro concerti più noti.

Dal 17 aprile è disponibile il film-concerto Pulse del 1995 che documenta il celeberrimo concerto tenuto dal gruppo il 20 ottobre del 1994 all’Earls Court Exhibition Centre di Londra.
Il concerto è uno dei più epici della carriera dei Pink Floyd che eseguirono tutto l’album The Dark Side of the Moon e, nel mentre, si assistette ad un aereo sorvolante sulla platea schiantarsi sul palco o anche alla celebre coreografia della sfera composta da specchi illuminati che si apre come un fiore.

“Vorremmo augurarvi tutto il meglio e speriamo che voi e le vostre famiglie siate sani e salvi in questi momenti difficili. Con molte persone limitate a casa, continueremo a pubblicare come al solito per potervi dare alcune immagini interessanti e devianti, musica e video per aiutarci a superare tutto questo.”

Questo quanto si legge sulla pagina facebook dei Pink Floyd che, da qui alle prossime 4 settimane renderanno noti anche altri documenti audiovisivi presenti nei loro vasti archivi, documenti di concerti, backstage e elementi annessi che verranno pubblicati sul loro canale youtube ufficiale.

I Pink Floyd, come accennato, non sono il primo gruppo a partecipare all’iniziativa solidale di condividere i propri concerti ufficialmente su youtube, già altri gruppi come i Metallica o i Radiohead hanno pubblicato, nei giorni scorsi, video delle loro esibizioni sui propri canali ufficiali.

Questa ed altre notizie su Ciakclub.it

Facebook
Twitter