Perché Shakira ha odiato Barbie? Ecco che cosa ha detto

Non accennano ad arrestarsi le critiche, anche molto tardive, al film di Greta Gerwig. Ma l’ultimo attacco è arrivato da una voce che non ci saremmo aspettati. La cantante Shakira ha infatti definito Barbie un film “castrante” e ha spiegato le sue ragioni in un’intervista.
Shakira critica Barbie con Margot Robbie

Anche a distanza di otto mesi dall’uscita di Barbie, le critiche rivolte al film di Greta Gerwig – come i complimenti, non dimentichiamoli – continuano a fioccare. Alle volte, come in quest’ultimo caso, da fonti che non ci saremmo aspettati.

L’ultima polemica era nata all’indomani dell’annuncio delle (varie) candidature agli Oscar, colpevoli secondo alcuni di due vistose assenze: Margot Robbie come Miglior Attrice Protagonista e Greta Gerwig come Miglior Regista. In quel momento, persino Stephen King aveva gridato allo scandalo. Perché una cosa Barbie l’ha fatta di certo: fin dalla sua uscita ha polarizzato nettamente le reazioni. Sembra impossibile collocarsi in una sana via di mezzo.

Ma che si tratti di critiche senza appello o di difese a spada tratta, quelle sane vie di mezzo sarebbero la cosa preferibile. Ecco, l’opinione della cantante pop Shakira non sembra essere fra quelle. La performer si è espressa dopo che i suoi figli avevano visto (e a detta sua odiato) il film, mettendo il punto, in particolare, su quella che secondo lei sarebbe stata una pessima caratterizzazione dei personaggi maschili. Da che avrebbe dovuto “restituire” alle donne, avrebbe invece “tolto” agli uomini.

Inutile dirlo, diverse voci del panorama conservatore sono andate a nozze con le parole di Shakira, rilanciandole a mezzo social. In particolare il commentatore Piers Morgan, che ha scritto: “Evviva Shakira! Finalmente un donna di alto profilo pronta a difendere gli uomini che rimangono uomini“. Ma cosa ha detto esattamente?

Cosa ha detto Shakira di Barbie?

Parlando con il magazine Allure, la cantante ha definito il film “demascolinizzante” o “castrante“, in risposta a una reazione venuta prima dai suoi figli: “L’hanno odiato. Sentivano che era castrante. E sono d’accordo, in una certa misura“.

Shakira ha così spiegato: “Mi piace la cultura pop quando tenta di dare potere alle donne senza privare gli uomini della loro possibilità di essere uomini, di proteggere e provvedere. Credo nel dare alle donne tutti gli strumenti e la fiducia, che possiamo fare tutto senza perdere la nostra essenza, senza perdere la nostra femminilità. Penso che gli uomini abbiano uno scopo nella società e che le donne ne abbiano anche un altro. Ci completiamo a vicenda e questa complementarità non dovrebbe andare perduta”.

Che condividiate o meno il parere di Shakira in merito a Barbie, un appunto andrebbe fatto: che il punto del film era proprio questo, invitare a non ragionare più per categorie sociali (e difficilmente ascrivibili a una qualunque forma di femminismo) in cui è l’uomo a “proteggere e provvedere”. O peggio, che siano questi due termini a dare definizione di cosa sia uomo e maschile e cosa no. In fondo, se n’è accorto persino uno senza peli sulla lingua come Oliver Stone, che prima ha definito Barbie “una me*da” e poi si è scusato.

Proprio da questo mese, Barbie arriva ora in streaming! Lo rivedrete? Che ne pensate di queste critiche?

Facebook
Twitter