Oscar 2024, tutte le nomination: l’Italia corre con Matteo Garrone

Dopo un anno ricco di titoli, direttamente dal Samuel Goldwyn Theatre di Beverly Hills, ecco svelate le nomination ai premi Oscar 2024. Un'edizione particolarmente importante per l'Italia visto l'exploit di Matteo Garrone con Io Capitano, presente nella short list rilasciata qualche settimana fa.
Tutti i candidati agli Oscar 2024

Beverly Hills, Samuel Goldwyn Theatre: Zazie Beetz e Jack Quaid hanno il privilegio di svelare le attesissime candidature ai premi Oscar 2024. La notte delle stelle che si terrà domenica 10 marzo, come di consueto presso il Dolby Theatre, sarà condotta da Jimmy Fallon.

Inutile dire che il 2024 si è rivelato un anno straordinariamente ricco per il cinema. Non sono da sottovalutare il recente film di Scorsese presentato al Festival di Cannes, Killers of the Flower Moon, e il vincitore della Palma d’Oro, Anatomia di una caduta di Justine Triet (che abbiamo recensito direttamente dalla croisette). Inoltre si tratta di un’edizione di particolare rilevanza per l’Italia: il film di Matteo Garrone, Io Capitano, ha sorprendentemente guadagnato un posto nella shortlist qualche settimana fa.

Tra i titoli più discussi, nonché super favoriti di questa 96esima edizione, spiccano sicuramente Barbie diretto da Greta Gerwig e Oppenheimer di Christopher Nolan. Queste due pellicole, uscite contemporaneamente nelle sale statunitensi il 21 luglio 2023, sono state le protagoniste del trend Barbenheimer sui social. Che una statuetta dorata possa forse portare questa sfida ad una conclusione?

Oscar 2024: le nomination

Miglior film

  • American Fiction
  • Anatomia di una caduta
  • Barbie
  • Oppenheimer
  • The Holdovers
  • Killers of the Flower Moon
  • Maestro
  • Past Lives
  • Povere Creature
  • The Zone of Interest

Migliore regia

  • Anatomia di una caduta (Justine Triet)
  • Killers of the Flower Moon (Martin Scorsese)
  • Oppenheimer (Christopher Nolan)
  • Povere Creature (Yorgos Lanthimos)
  • The Zone of Interest (Jonathan Glazer)

Migliore attore protagonista

  • Bradley Cooper (Maestro)
  • Colman Domingo (Rustin)
  • Paul Giamatti (The Holdovers)
  • Cillian Murphy (Oppenheimer)
  • Jeffrey Wright (American Fiction)

Migliore attrice protagonista

  • Annette Bening (Nyad)
  • Lily Gladstone (Killers of the Flower Moon)
  • Sandra Huller (Anatomia di una caduta)
  • Carey Mulligan (Maestro)
  • Emma Stone (Povere Creature)

Migliore attore non protagonista

  • Sterling K. Brown (American Fiction)
  • Robert De Niro (Killers of the Flower Moon)
  • Robert Downey Jr. (Oppenheimer)
  • Ryan Gosling (Barbie)
  • Mark Ruffalo (Povere Creature)

Migliore attrice non protagonista

  • Emily Blunt (Oppenheimer)
  • Danielle Brooks (Il colore viola)
  • America Ferrera (Barbie)
  • Jodie Foster (Nyad)
  • Da’vine Joy Randolph (The Holdovers)

Migliore sceneggiatura originale

  • Anatomia di una caduta
  • The Holdovers
  • Maestro
  • Past Lives
  • May December

Migliore sceneggiatura non originale

  • American Fiction
  • Barbie
  • Oppenheimer
  • Povere Creature
  • The Zone of Interest

Miglior film internazionale

  • Io Capitano
  • Perfect Days
  • La società della Neve
  • The Teachers’ Lounge
  • The Zone of Interest

Miglior film d’animazione

  • Il Ragazzo e l’Airone
  • Elemental
  • Nimona
  • Robot Dreams
  • Spider-Man: Across the Spider-Verse

Migliore fotografia

  • El Conde
  • Killers of the Flower Moon
  • Maestro
  • Oppenheimer
  • Povere Creature

Migliore scenografia

  • Barbie
  • Killers of the Flower Moon
  • Napoleon
  • Oppenheimer
  • Povere Creature

Miglior montaggio

  • Anatomia di una caduta
  • The Holdovers
  • Killers of the Flower Moon
  • Oppenheimer
  • Povere Creature

Migliore colonna sonora

  • American Fiction
  • Indiana Jones e il Quadrante del Destino
  • Killers of the Flower Moon
  • Oppenheimer
  • Povere Creature

Migliore canzone

  • “The Fire Inside” – Flamin’ Hot
  • “I’m Just Ken” – Barbie
  • “It Never Went Away” – American Symphony
  • “Wahzhazhe (A Song for my People)” – Killers of the Flower Moon
  • “What Was I Made For?” – Barbie

Migliori effetti visivi

  • The Creator
  • Godzilla Minus One
  • Guardiani della Galassia Vol.3
  • Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One
  • Napoleon

Miglior sonoro

  • The Creator
  • Maestro
  • Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One
  • Oppenheimer
  • The Zone of Interest

Migliori costumi

  • Barbie (Jacqueline Durran)
  • Killers of the Flower Moon (Jacqueline West)
  • Napoleon (Janty Yates e Dave Crossman)
  • Oppenheimer (Ellen Mirojnick)
  • Poor Things (Holly Waddington)

Miglior trucco e acconciatura

  • Golda
  • Maestro
  • Oppenheimer
  • Poor Things
  • Society of the Snow

Miglior documentario

  • Bobi Wine: The People’s President
  • The Eternal Memory
  • Four Daughters
  • To Kill a Tiger
  • 20 Days in Mariupol

Miglior cortometraggio documentario

  • The ABCs of Book Banning
  • The Barber of Little Rock
  • Island in Between
  • The Last Repair Shop
  • Nai Nai & Wài Pò

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Letter to a Pig
  • Ninety-five senses
  • Our Uniform
  • Pachiderma
  • War is Over! Inspired by the Music of John & Yoko

Miglior cortometraggio

  • The After
  • Invincible
  • Knight of Fortune
  • Red, White and Blue
  • The Wonderful Story of Henry Sugar

Non ci resta che aspettare la notte degli Oscar 2024 per sapere chi avrà l’onore di salire sull’ambito palco del Dolby Theatre. Voi per chi fate il tifo? Scrivetecelo nei commenti!

Facebook
Twitter