Noi siamo infinito, spiegazione del finale del film con Emma Watson

Il regista del film Noi siamo infinito è anche l’autore del romanzo epistolare da cui è tratto il film. Esce nel 2011 ed è l’esordio alla regia per Stephen Chbosky. Nel cast troviamo tre giovanissimi Emma Watson, Logan Lerman ed Ezra Miller. Va in onda stasera in tv, e noi abbiamo ricostruito per voi il finale!
Emma Watson, Logan Lerman e Ezra Miller in una scena del film Noi siamo infinito

Stephen Chbosky nel 1999 pubblica il suo romanzo epistolare, dal titolo Ragazzo da parete. Da questo, nel 2012, lo stesso Chbosky dirige il film Noi siamo infinito. Stasera va in onda in seconda serata, su Italia 1 alle 23.45. Per chi l’ha già visto: ecco spiegato il finale!

Il protagonista del film è Charlie (Logan Leerman), un adolescente dimesso dall’istituto di salute mentale dopo essere guarito da una forma di depressione che gli ha caratterizzato tutta l’infanzia, che arriva al suo primo giorno di liceo. La timidezza, l’introversione e i traumi di Charlie lo fanno sentire molto solo, non fosse per Sam (Emma Watson) e Patrick (Ezra Miller, prima dei fatti di cronaca che lo hanno travolto), con cui instaura una profonda amicizia.

Andando avanti col film, capiamo che esiste una sotto-trama, che riguarda la drammatica infanzia di Charlie. Essa riemerge nei flashback e negli shock che vive Charlie durante la sua quotidianità. Percepiamo lo stato di ansia con cui vive il giovane, mentre un incidente del suo passato lo continua a tormentare con sempre maggior insistenza.

Quando Sam lo bacia ad una festa, prima di partire per il college, Charlie esplode. Il trauma del suo passato riguarda la zia, che ha abusato sessualmente di lui da piccolo. Charlie chiama la sorella in preda al panico, appena in tempo prima di perdere i sensi. Lo ritroverà la polizia e sarà affidato ad uno psichiatria in ospedale per elaborare il trauma.

Uscito dall’ospedale Charlie tornerà dai suoi amici. Percorreranno insieme una strada che avevano già fatto in macchina, sotto ad un tunnel. Lì bacerà Sam e insieme urleranno “noi siamo infinito“!

Voi avevate già visto questo classico generazionale? Sapete che dopo Noi siamo infinito il regista ha diretto Wonder, che fra pochi giorni sarà al cinema con il sequel Wonder: White Bird insieme a tutte le novità di Gennaio?

Facebook
Twitter