No Time to Die: posticipata l’uscita del nuovo film su James Bond

No Time to Die era da molti considerato il film che, insieme a Tenet, avrebbe risollevato le sorti dei botteghini americani e mondiali in questo periodo di profonda crisi per l’industria cinematografica. Così non sarà. Il film, la cui uscita italiana era rogrammata per il 12 novembre, uscirà a Pasqua del 2021.

Sembrava veramente tutto pronto per l’uscita di No Time to Die e, fino a oggi, non si aveva avuto il minimo sentore di una posticipazione dell’ultimo film di James Bond con Daniel Craig. Il film che vedrà l’ultima apparizione di Craig nei panni dell’agente 007 doveva uscire originariamente ad aprile del 2020, ma, a causa della pandemia, si era deciso di rinviare l’uscita in autunno.
Il film di Cary Fukunaga uscirà quindi nelle sale mondiali con un anno di ritardo. In merito a questa decisione il regista ha così dichiarato:

MGM, Universal e i produttori di Bond, Michael G Wilson e Barbara Broccoli, hanno annunciato quest’oggi che l’uscita di No Time To Die, il venticinquesimo film nella serie di James Bond, sarà posticipato al 2 aprile 2021 per dare la possibilità al pubblico di tutto il mondo di vederlo nelle sale. Siamo consapevoli del fatto che il rinvio deluderà i nostri fan, ma non vediamo l’ora di condividere con tutti voi No Time To Die il prossimo anno.”

La posticipazione dell’ultimo capitolo di James Bond è dovuta all’aggravarsi della situazione di emergenza causata dal coronavirus non solo negli Stati Uniti, ma anche del mondo. Oltre a ciò è probabile che la produzione abbia preso questa decisione dopo aver visto i risultati al botteghino di Tenet di Christopher Nolan. Il film del regista britannico, infatti, pur avendo incassato una notevole cifra, non è ancora riuscito a decollare ai box-office americani e, per ora, non si sta rivelando il successo commerciale auspicato.
Certo è che con la posticipazione di No Time to Die si apre un enorme vuoto di blockbuster fino a dicembre e le sale, non solo italiane, sembrano sempre di più condannate.

Questa e altre notizie su CiakClub.it

 

Facebook
Twitter