Morto Libero De Rienzo: attore David Di Donatello di Smetto quando voglio

E’ tragedia nel mondo dello spettacolo. Notizia dell’ultima ora, l’attore Libero De Rienzo è morto a soli 44 anni stroncato da un infarto. E’ stato trovato ieri sera intorno alle 20 nella sua casa di Roma, da un amico preoccupatosi di non avere più sue notizie da qualche giorno. A dare la notizia è stata la sua famiglia: era spostato con la costumista Marcella Mosca, che lascia assieme ai figli di soli 6 e 2 anni. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine e i sanitari che hanno accertato le cause della morte. Ancora non è stata fissata una data per il funerale.

L’attore di origini napoletane – era nato a Forcella – era figlio di Fiore De Rienzo, già aiuto regista di Citto Maselli e inviato per la trasmissione Chi l’ha visto? Segue le orme del padre in giovanissima età e già nel 2002 si aggiudica un David Di Donatello come Miglior Attore Non Protagonista per la sua performance in Santa Maradona di Franco Ponti. Nel 2009 si imprime nella memoria collettiva il suo ruolo di protagonista in Fortàpasc di Marco Risi e in anni successivi viene diretto da nomi quali Ivan Cotroneo e Valeria Golino. Ma dal 2014 arriva la consacrazione pop al grande pubblico con la fortunatissima saga Smetto quando voglio, diretta dal conterraneo Sydney Sibilia per un totale di tre pellicole.

Libero De Felice è Bartolomeo
Libero De Rienzo è Bartolomeo

Qui interpreta Bartolomeo, un economista squattrinato che tenta di applicare nel poker – spesso senza successo – le sue teorie nel calcolo matematico. Entrerà a far parte della Banda dei Ricercatori messa su dall’amico neurobiologo Pietro Zinni (Edoardo Leo) per sbarcare il lunario in modo del tutto originale – e non esattamente ortodosso. Il gruppo di neo-laureati e disoccupati, provenienti dai settori universitari più disparati, cercherà di uscire dall’incubo della precarietà iniziando a smerciare le migliori smart drugs sul mercato, frutto delle loro competenze in materia scientifica. Ma la strada per il successo, scopriranno, è lastricata di cattive compagnie. Nato come rivisitazione satirica sulla scia di Breaking Bad di Vince Gilligan, Smetto quando voglio è uno dei motivi per cui ci mancheranno, e molto, i personaggi di Libero. Un’attore nel pieno della sua carriera, che aveva ancora tanto da raccontare.

Questo e altro su CiakClub.it

Facebook
Twitter