E’ morta Barbara Shelley, attrice icona dei film horror della Hammer

Ci ha lasciati a 88 anni Barbara Shelley, attrice britannica che negli anni ’60 ha ottenuto enorme successo per i suoi ruoli nei cult horror prodotti dalla Hammer Film.
Barbara Shelley, stando a quanto riportato dal suo agente, avrebbe contratto il Coronavirus durante una visita medica, ma non è noto se la causa della morte della diva sia stata causata dal virus.

Regina degli horror targati Hammer, Barbara Shelley iniziò la propria carriera recitando in vari film italiani negli anni ’50 in ruoli secondari e incontrò il successo quando prese parte al film Il sangue del vampiro. Da quel momento Barbara Shelley costruì la sua carriera su prove in film horror come Il villaggio dei dannati e numerose pellicole prodotte dalla Hammer Film.
Fra le sue prove più note ricordiamo quelle affianco a Christopher Lee in film come Lo sguardo che uccide, Rasputin: il monaco folle e il celeberrimo Dracula, il principe delle tenebre.
L’attrice prese parte anche al cult di fantascienza L’astronave degli esseri perduti, fortunato film che vede come protagonista il personaggio del professor Bernard Quatermass.

“Era davvero la protagonista numero uno della Hammer e la regina in technicolor dello studio. Sullo schermo poteva essere tranquillamente malvagia. Passava da una bellezza statuaria alla ferocia più spietata.”

Così ha ricordato Barbara Shelley l’agente dell’attrice Thomas Bowington.
La notizia della morte dell’attrice ha sconvolto i numerosi appassionati del genere horror che vide negli anni ’60 nell’attrice uno dei volti più noti e sui social molti sono i messaggi di cordoglio di colleghi e fan dell’attrice.

L’attrice Nicola Bryant ha così ricordato la collega:

“Era una persona adorabile e un’attrice di talento. Quando abbiamo lavorato insieme a Planet of Fire è stata così gentile nei miei confronti. Mi ha regalato un piccolo gufo, che possiedo ancora, e qualche buon consiglio. Riposa in pace Barbara Shelley. Donna saggia e meravigliosa.”

Questa e altre notizie su CiakClub.it

Facebook
Twitter