Mio fratello rincorre i dinosauri trionfa agli EFA Young Audience Awards

Una bella notizia per il cinema italiano arriva anche in questo periodo di quarantena: Mio fratello rincorre i dinosauri, film d’esordio del regista 34enne Stefano Cipani, ha vinto gli EFA Young Audience Awards.
Mio fratello rincorre i dinosauri, tratto dal best-seller di Giacomo Mazzariol, che era stato presentato nell’ambito delle Giornate degli Autori alla 76esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, ha ricevuto la maggior parte delle preferenze da parte del giovane pubblico, composto da 2000 ragazzi dei 32 stati dell’UE dai 12 ai 14 anni, e si è quindi aggiudicato il premio.

L’evento si è tenuto in diretta sul sito yaa.europeanfilmawards.eu, ha avuto una durata di 30 minuti e si è concluso con la vittoria del film del giovane regista italiano.
L’evento è disponibile in streaming sullo stesso sito per chiunque se lo sia perso e lo voglia recuperare.
Questo quanto dichiarato dai produttori del film Arturo Paglia e Isabella Cocuzza della casa di produzione indipendente Paco Cinematografica:

«Siamo felicissimi e orgogliosi di questo prestigioso riconoscimento, lo dedichiamo a tutti gli operatori del cinema, a tutti coloro i quali si dedicano con passione a un settore che, anche in un momento di grande difficoltà come questo, riesce a regalare emozioni straordinarie come solo il cinema italiano di qualità sa fare. Un ringraziamento speciale a Stefano Cipani e a Giacomo Mazzariol, Alessandro Gassmann, Isabella Ragonese e a tutti i giovanissimi attori che hanno vissuto questa esperienza con professionalità, passione ed entusiasmo.»

Stefano Cipani ha invece esternato la propria felicità con un semplice ed efficace “Non so davvero che dire, sono felicissimo!”.
Per il cinema italiano arriva quindi una ottima notizia, specie se ad avere successo è un regista giovane al suo primo lungometraggio. Una notizia che riesce a darci un bagliore di speranza anche in una situazione come quella del lockdown di cui il già fragile mondo dell’industria cinematografica sta risentendo.

Questa ed altre notizie su Ciakclub.it

 

Facebook
Twitter