Mediterraneo: in che isole è stato girato il capolavoro di Salvatores?

Questa sera potrete recuperare Mediterraneo, un titolo con Diego Abatantuono che nel 1992 vinse il Premio Oscar per il miglior film in lingua straniera. La vicenda è ambientata su un isolotto della Grecia non molto lontano da Rodi. Un piccolo paradiso in mezzo al mare.
Diego Abatantuono e Claudio Bigagli in una scena del film Mediterraneo

Oggi, 20 gennaio 2024, verrà trasmesso alle 21:25, sul canale Cine 34, Mediterraneo. Il film, diretto da Gabriele Salvatores nel 1991, racconta di un gruppo di soldati italiani che durante la seconda guerra mondiale rimane isolato su un’isola greca. Per affrontare questo isolamento, i vari personaggi iniziano a tenersi occupati con diverse attività, finché non scoprono di non essere gli unici esseri viventi sull’isola.

L’intera vicenda si ambienta sull’isola di Megisti, nota anche con il nome di Kastellorizo (Castelrosso). Il nome ufficiale, Megisti, significa letteralmente “la più grande”, ma con la sua superficie di 9,11 km2 risulta l’isola più piccola del Dodecaneso. Il suo essere “grande” fa riferimento alle sue dimensioni rispetto alle altre isole che formano il piccolo arcipelago nel quale Megisti si localizza. Le riprese del film, che trova ispirazione dalla realtà, sono avvenute in questo piccolo angolo di paradiso greco che si suddivide in tre quartieri: Pigadia, Chorafia e Mandraki.

Se immaginate spiagge affollate e folle movida notturna, Megisti potrebbe deludere le vostre aspettative. Prima della guerra l’isola conteneva una popolazione che si aggirava sulle 15000 persone. A causa dei bombardamenti nel 1943, in molti abbandonarono l’isola per non farvi più ritorno. L’ultimo censimento dell’isola, risalente al 2011, conta circa 492 abitanti, anche se negli ultimi anni il conto sembra aggirarsi su circa la metà.

La poca popolazione rende l’isola un posto molto tranquilli e uno dei meno contaminati dalla presenza dell’uomo, tanto da essere un paradiso naturale nel quale prosperano tartarughe e delfini. I collegamenti sono pochi, con taxi e navette come unici mezzi per spostarsi sull’isola. L’unico modo per visitare l’isola è raggiungerla partendo dal Porto di Rodi, situata poco più lontano verso est. Se Mediterraneo non soddisfa le vostre esigenze, stasera potrete recuperare un thriller carico di suspense

Facebook
Twitter