MCU, per Downey e Ruffalo i dialoghi erano “boiate senza senso”

In occasione di una recente intervista Mark Ruffalo e Robert Downey Jr hanno ricordato i loro giorni da Hulk e Iron Man. I due si sono spesso scontrati con copioni pieni di dialoghi assolutamente senza senso. Robert Downey Jr ha inoltre ricordato il suo ruolo in MCU con affetto: "Che stiamo facendo? Chi arriva dallo spazio?”
Mark Ruffalo (Bruce Banner / Hulk) e Robert Downey Jr. (Tony Stark / Iron Man) in una scena del film Avengers

L’universo MCU non è mai stato del tutto facile da comprendere. Lo hanno finalmente ammesso anche gli stessi Avengers. In occasione di una recente intervista a Variety, Mark Ruffalo (Hulk) e Robert Downey Jr. (Iron Man) hanno ricordato i giorni da vendicatori MCU ripercorrendo alcune scene apparentemente dai dialoghi incomprensibili. “Io e te, i due fratellini scienziati, abbiamo avuto tutte queste lunghe scene assolutamente senza senso…” ha detto  Robert Downey Jr. rivolgendosi a Ruffalo: in sostanza, “… boiate senza senso. Non sapevamo cosa fossero, non sapevamo che significato avessero alcuni dialoghi” ha aggiunto in risposta l’attore. 

Robert Downey Jr. (che si è espresso nei giorni scorsi sulla probabilità di vincere davvero un Oscar) ha sottolineato in particolar modo la complessità di molti dialoghi nei film MCU. Entrambi, ha detto, hanno infatti avuto non poche difficoltà nel comprendere in primo luogo la scena a cui dovevano andare incontro, e poi nel memorizzare le battute, spesso rese complesse dal tipo di linguaggio utilizzato, un linguaggio pieno di tecnicismi scientifici e lunghe battute. L’attore ha ricordato tutti i momenti in cui, guardando il collega Mark Ruffalo, tentava di capire se l’altro avesse compreso qualcosa dei ruoli che avrebbero dovuto interpretare: 

Oddio, siamo davvero fortunati. Che stiamo facendo? Chi è un mago? Chi arriva dallo spazio?”. Nonostante la confusione, i due sapevano che si trattava di un tipo di linguaggio “importante per i personaggi che stavano interpretando”.  Entrambi hanno inoltre ricordato con affetto quei giorni, soprattutto ora che l’MCU sembra destinato alla fine. Ruffalo, in particolar modo, si è detto incredulo dopo aver ricevuto la prima chiamata della casting director MCU: “Non lo dimenticherò mai, ero tipo ‘Non so se sono adatto ad un ruolo da protagonista’. Però poi dici a te stesso: ‘Dai Mark. Possiamo farcela’”.

Facebook
Twitter