Matthew Perry, rivelati i risultati dell’autopsia: morto per la ketamina

Una delle star della più grande serie tv degli anni Novanta, scomparsa prematuramente qualche mese fa, è stata vittima delle sue dipendenze. Matthew Perry è morto a causa della ketamina nella sua casa di Los Angeles. È stato un tragico incidente totalmente inaspettato.
L'attore Matthew Perry

È appena stata diffusa la terribile notizia: Matthew Perry è stato ucciso dagli effetti acuti della ketamina. A comunicarlo un rappresentante del coroner di Los Angeles che, dopo l’autopsia sul corpo dell’attore, ha reso pubblica la cosa. La grande star di Friends è stata trovata incosciente nell’idromassaggio della sua villa a Pacific Palisades, vicino a Malibù, il 28 ottobre.

Secondo le dichiarazioni ufficiali, quindi, Matthew Perry è morto a causa degli effetti acuti della ketamina. L’annegamento è stato “un fattore secondario”, classificando quindi la sua morte “un tragico incidente”.

“Il Dme (Department of Medical Examiner) ha stabilito che la causa della morte dell’attore cinquantaquatrenne è dovuta agli effetti dell’anestetico. I fattori che hanno contribuito alla sua morte includono (oltre che l’annegamento) la malattia coronarica e gli effetti della buprenorfina (usata per trattare il disturbo da uso di oppioidi). Le dinamiche della morte si confermano un tragico incidente“.

I soccorritori hanno trovato Perry, l’amato Chandler Bing di una delle più famose serie degli anni Novanta andata avanti per ben 10 stagioni (dal 1994 al 2004), privo di sensi intorno alle 16.00 del 28 ottobre nella sua villa situata nel ricco ed elegante distretto di Los Angeles. Il suo agente ha chiamato immediatamente il 911, ma quando i paramedici sono arrivati sul posto hanno potuto solo dichiarare il decesso dell’attore.

La ketamina, legalizzata nel 2019 dall’agenzia nazionale del farmaco americana, è un potente anestetico prescritto sempre più spesso dai medici statunitensi per trattare la depressione o l’ansia. Perry soffriva da tempo di questi problemi, insieme ad una forte dipendenza da varie sostante. Ne aveva parlato lui stesso in “Friends, amanti e la Cosa Terribile“, biografia pubblicata da poco in Italia. Aveva rilasciato ulteriori dichiarazioni in merito dicendo che durante le riprese della serie era spesso assalito da una forte ansia, un ulteriore fattore di fortissimo stress.

L’attore seguiva un percorso terapeutico con ripetute somministrazioni di ketamina. Ma la massiccia quantità rilevata nel suo sangue nell’autopsia superava di molto il limite consentito nelle singole sessioni. L’ultima di queste era avvenuta circa una settimana e mezza prima della sua morte. Ai livelli rilevati, pari a 3.271 nanogrammi per millilitro, la ketamina può provocare “la sovrastimolazione cardiovascolare e la depressione respiratoria”.

Quella che ha colpito Matthew Perry è una terribile tragedia che affligge molte personalità del mondo dello spettacolo. Dopo la scomparsa di James Michael Tyler, altra grande star di Friends afflitta da un terribile tumore, questa è già la seconda è perdita legata alla serie. Una triste scomparsa a cui ci accostiamo con rispetto e cordoglio.

Facebook
Twitter