Martin Scorsese: “Vorrei convincere Daniel Day-Lewis a tornare a recitare”

Daniel Day-Lewis tornerà mai a recitare dopo il ritiro dalle scene del 2017? Ci aveva provato in più di un’occasione Paul Thomas Anderson, senza ottenere alcun risultato. Tenta ora di convincerlo, con un nuovo appello, Martin Scorsese, che lo aveva già diretto in L’età dell’innocenza e Gangs of New York.
Il regista Martin Scorsese e l'attore Daniel Day-Lewis al National Board of Review 2024

Martin Scorsese e Daniel Day-Lewis si sono riuniti in occasione dei recenti National Board of Review Awards 2024. Il duo regista-attore aveva collaborato in passato su due film, si tratta de L’età dell’innocenza e di Gangs of New York. L’attore si è poi ritirato dal mondo del cinema nel 2017. L’ultimo film in cui ha recitato? Il filo nascosto (2017), diretto invece dal regista Paul Thomas Anderson, che aveva collaborato con Daniel Day-Lewis anche nel film Il petroliere (There will be blood), titolo che lo ha portato a vincere il premio Oscar come Miglior Attore.

Paul Thomas Anderson ha espresso in diverse occasioni il suo desiderio di vedere un ritorno di Daniel Day Lewis sulle scene: “Possiamo tutti sperare che torni. Non sarebbe stupendo? Si, sono avido come chiunque altro. Voglio vedere più performace di Daniel Day-Lewis. Ma penso anche che che ci ha dato moltissimo, e forse dovremmo smettere di essere così avidi. Lui è il re”. Insomma, il regista sembra averci provato con più di un appello, senza ottenere risultati. Martin Scorsese però decide di provarci, lanciando un appello all’attore durante l’evento, durante la consegna del premio alla regia per Killers of the Flower Moon

Abbiamo fatto due film insieme e sono state tra le più belle esperienze della mia vita, devo dire. Forse c’è tempo per un altro. Forse! È il migliore” ha detto Scorsese. In tutta risposta, Daniel Day-Lewis ha ricordato con affetto il suo primo approccio al regista: “Ero un adolescente quando ho scoperto il lavoro di Martin. Con la sua luce ha illuminato mondi sconosciuti che pulsavano di un’energia pericolosa e irresistibile. Mondi che erano per me misteriosi e coinvolgenti. Ha illuminato il vasto, bellissimo terreno di possibilità dei film. Una delle gioie più grandi della mia vita e dei privilegi più inaspettati è stato lavorare con lui”.

L’attore (che abbiamo di recente ricordato con 5 delle sue migliori performance), gli ha poi conferito il premio aggiungendo: “Sono grato al National Board of Review per aver riconosciuto l’arte suprema e inimitabile di quest’uomo”. C’è forse speranza per un suo ritorno sulle scene? Intanto Martin Scorsese, ricordiamo, tornerà presto tra noi con un nuovo, brevissimo film.

Facebook
Twitter