Malignant, la spiegazione del finale dell’horror

James Wan è il padre dell’horror se pensiamo alle saghe di Saw, Insidious e The Conjuring. È anche il regista di Fast & Furious 7 e Aquaman ma nel 2021 torna al genere dell’orrore firmando anche il soggetto di Malignant. Una storia inquietante ed agghiacciante, con un finale che lascia spazio ad alcune interpretazioni. Ecco la nostra!
Annabelle Wallis in una scena del film Malignant

Sicuramente Annabelle Wallis vi dice qualcosa in relazione ai Peaky Blinders, perché è l’attrice che dà il volto a Grace, la moglie e la donna di cui è innamorato nientemeno che Tommy Shelby. Nel 2021, però, l’attrice è anche finita fra le mani di James Wan – il padre della saga di Saw e di The Conjuring. Il risultato? Un film horror ovviamente vietato ai minori, dal titolo Malignant, che oggi va in onda in tv. Questa sera, 13 dicembre 2023, non vi resta che schiacciare il tasto 21 (Rai4) alle 21.21 per non perderlo. Se invece l’avete già visto, ecco l’articolo che fa per voi: come possiamo spiegare il finale?

La protagonista del film (che non fece faville al botteghino) è Madison, una donna incinta che ha un marito violento. Durante una discussione l’uomo le sbatte la testa al muro, la donna si chiude in una distanza per proteggersi dal marito. A quel punto entra a casa loro una presenza non definita che uccide Derek e attacca Madison.

L’assassino di Derek continuerà ad avere contatti con Madison, mentre la polizia continua ad indagare sul caso. La donna confessa alla sorella di essere stata adottata all’età di 8 anni e l’assassino si rivela a Madison, in una delle sue visioni, col nome di Gabriel. La madre di Madison spiegherà a lei e a sua sorella che Madison, da bambina, aveva un amico immaginario con quel nome (ma avrebbe potuto essere qualcuno che conosceva realmente prima della sua adozione).

Madison ricorda il suo nome di nascita, Emily May, e ricorda che Gabriel l’ha quasi portata ad uccidere sua sorella Sydney nel grembo della madre. Mentre Madison viene arrestata, perché la polizia la considera responsabile degli omicidi, Sydney scopre alcune verità su Gabriel. È stato il gemello parassita di Emily-Madison: un corpo non completamente formato che usciva dalla sua schiena. Il dr. Weaver ha operato Emily per asportare il corpo estraneo, eccetto che per il cervello, impiantato nel cranio della donna. Il trauma cranico subito dalla violenza del marito, ha risvegliato Gabriel nel cervello di Madison.

Alla fine degli inquietanti sviluppi della trama che riguardano Madison e Gabriel, alla fine del film Gabriel cerca di uccidere Sydney per mezzo di Madison. Quest’ultima riprende il controllo di sè, impedisce la morte della sorella e rinchiude Gabriel dietro alcune sbarre nella sua mente. Si tratta di un finale apparentemente felice, quindi, segnato dalla vittoria di Madison sul maligno Gabriel.

Mentre Sydney e Madison si abbracciano, però, un’ultima inquadratura si sofferma su una luce in un angolo della stanza di ospedale in cui si trovano. Potrebbe essere insignificante, se non fosse che Gabriel ha il potere di governare l’elettricità. La chiave di Malignant è capire che Gabriel commette omicidi spaventosi attraverso il corpo di Madison prendendo il controllo della sua mente e lasciando la donna in una specie di sogno. È molto probabile, allora, che l’abbraccio fra Madison e Sydney sia la rappresentazione del sogno nella testa di Madison. L’espressione dello stato di confusione in cui la donna riversa mentre il maligno Gabriel dentro di lei la utilizza per commettere malvagità.

Secondo voi, Malignant ha un lieto fine come credono alcuni? Oppure quella luce nella stanza sta a ricordarci che Gabriel è imbattibile? Non vi resta che riguardarlo stasera per pensarci meglio! Inoltre, ecco cosa dovreste sapere sui futuri progetti mostruosi del regista James Wan!

Facebook
Twitter