Lindsay Lohan: polemiche per una vecchia intervista di David Letterman

E’ diventata virale nelle ultime ore un’intervista che David Letterman tenne nel 2013 con Lindsay Lohan. Il celebre conduttore televisivo rivolse alla cantante e attrice una serie di domande poco delicate sul tema della riabilitazione. Sul web molti hanno fatto notare come l’atteggiamento di Letterman fosse troppo insistente, volto quasi a mettere in difficoltà Lohan.

Come prima domanda, David Letterman chiede a Lindsay Lohan “Non dovresti essere in rehab adesso?“, per poi continuare ad insistere: “Per quanto starai in rehab? Quante volte sei stata in rehab? E cosa sarà differente dall’ultima volta? Per prima cosa, per quale motivo ci andrai? Cosa c’è in programma? Su cosa lavorerai quando entrerai da quella porta?“. Dopo aver risposto ad alcune domande, l’attrice fa notare che l’intervista non sta andando come stabilito. Dopo le continue richieste di Letterman, spiega “Se devo essere onesta, i momenti in cui sono più felice e più in forma sono quelli in cui sto lavorando, e questa per me credo sia un’opportunità per riflettere e pensare a ciò che amo della vita, e non credo che sia necessariamente una cosa negativa, ma anzi una benedizione“.

Letterman però continua a porre domande inopportune come “Avevi problemi di dipendenza? Ma si tratta di alcohol? Bevi troppo?”. Quando Lindsay Lohan fa notare di averne già parlato prima dello show, il conduttore ironizza “Ah davvero? Sono io quello che sta avendo un blackout. Forse sono io quello he dovrebbe andare in rehab“.

Allora Lohan cerca di cambiare argomento, chiedendo “Dobbiamo per forza parlarne? Sono qui per promuovere un film“, senza però ottenere alcun risultato. Letterman continua ad elencare delle cose che l’attrice avrebbe dovuto sopportare, con frecciatine e battutine sul delicato argomento della rehab. A fine intervista, Lindsay Lohan è quasi in lacrime.

Il web è rimasto particolarmente scosso da quest’intervista: alcuni hanno accusato Letterman di perpetrare lo stigma della dipendenza, altri semplicemente lo definiscono rude e poco professionale.

Questo e molto altro su CiakClub.it

Facebook
Twitter