Lettere da Iwo Jima: come si collega a Flags of Our Fathers?

Lettere da Iwo Jima, in onda stasera su Warner Tv, è il secondo film di Clint Eastwood sulla feroce battaglia tra americani e giapponesi combattuta sull'omonima isola nel 1944. In questo intimo racconto, il punto di vista è quello nipponico mentre nel complementare, uscito qualche anno prima, The Flags of Our Fathers la storia è quella dei marines americani. Due film, un regista una sola morale sulla guerra.
Le locandine dei film Flags of Our Fathers e Lettere da Iwo Jima

Due fronti opposti, due grandi potenze mondiali, una sola guerra. Due film, due punti di vita, un solo regista. Lettere da Iwo Jima è il secondo film diretto da Clint Eastwood, sulla battaglia tra americani e giapponesi che venne combattuta sull’omonima isola durante la Seconda Guerra Mondiale. Il primo fu  Flags of Our Fathers.

Un particolarissimo binomio registico. Clint Eastwood racconta lo stesso film da due fronti diversi: prima quello americano e poi quello giapponese . Un regista americanissimo che però ha dimostrato al pubblico di possedere il giusto quantitativo di sensibilità per raccontare anche l’alto risvolto della medaglia. 

Lettere da Iwo Jima, infatti, sembrerebbe aver convinto molto di più del suo predecessore e complementare. Il film, tratto dal libro Picture Letters From Commander in Chief di Tadamichi Kuribayashi, è un racconto equilibratissimo ma comunque straziante della storia vera della feroce e accanita battaglia del 1944.

Non esiste un buono o un cattivo. Esiste solo la guerra che in entrambe le pellicole, ma in particolare in questa, viene disegnata come l’unico vero nemico inevitabile da cui uomini che non hanno potuto scegliere vengono travolti e spazzati via. 

Flags of Our Fathers, uscito nel 2006 , è  allo stesso modo ispirato ad un libro, quello di James Bradley e Ron Powers. Ma, mentre questo descrive il punto di vista dei marines statunitensi rifiutando qualsiasi retorica dell’eroe e dandoci , come altri cult di guerra (noi qui vi consigliamo i 20 migliori capolavori di guerra del XXI secolo) , una riflessione sul conflitto e sulla sua atrocità; Lettere da Iwo Jima alla fine dei giochi risulta essere l’opera in cui la narrazione del regista statunitense è paradossalmente molto più intima. 

Flags of our Fathers è un film glaciale e dai toni plumbei, mentre il racconto del punto di vista nipponico fa da contraltare: è meno trattenuto, più appassionato e appassionante, caldo e toccante. 
Il dittico però ci insegna sicuramente una morale comune: non ci sono ne vincitori ne vinti e nonostante i canti patriottici di fronte alla spietatezza della guerra le bandiere cadono spogliando gli uomini del titolo di eroi o nemici, lasciandoli solo uomini dentro la follia bellica. 

Lettere da Iwo Jima lo potete trovare stasera 18 ottobre 2023 su Warner Tv (canale 37) alle 21.30.

Facebook
Twitter