Lashana Lynch su James Bond: “Potrebbe essere una donna”

Lashana Lynch, che interpreta il ruolo di Nomi in No Time To Die, ha esternato il proprio pensiero circa il personaggio di James Bond:

“Bond potrebbe essere un uomo o una donna, bianco, nero, asiatico, di razza mista. Potrebber essere giovanie o vecchio. Alla fine, anche se un bambino di due anni interpretasse Bond, tutti andrebbero al cinema per vedere cosa farà questo bambino di due anni, no?”

La stessa Lashana Lynch ha poi argomentato meglio il proprio pensiero parlando di mascolinità tossica:

“Sono molto grata di essere riuscita a sfidare le narrazioni dominanti. Ci stiamo allontanando dalla mascolinità tossica, e questo sta accadendo perché le donne sono aperte ed esigenti, alzano la voce e denunciano comportamenti scorretti non appena li vedono.”

A questo punto è però è intervenuta Barbara Broccoli, produttrice del franchise:

“È un personaggio maschile. È stato scritto come un maschio e penso che probabilmente rimarrà come un maschio. E va bene. Non dobbiamo trasformare personaggi maschili in donne. Creiamo solo più personaggi femminili e rendiamo la storia adatta a quei personaggi”.

Anche Daniel Craig, star che interpreta l’agente segreto più famoso del cinema è intervenuto:

“La risposta è molto semplice: ci dovrebbero semplicemente essere parti migliori per le donne e gli attori di colore. Perché una donna dovrebbe interpretare James Bond quando dovrebbe esserci una parte altrettanto buona per lei ma che non è quella di Bond?”

Anche Rosamund Pike che ha interpretato la Bond Girl in La morte può attendere, nel lontano 2002, aveva detto la sua circa la questione, anticipando quella che oggi è a tutti gli effetti una querelle sfociata nella battaglia di genere:

“Io scriverei una storia nuova. Voglio dire, James Bond è un personaggio creato da Ian Fleming. Naturalmente il brand non ha fatto che crescere, ma a questo punto prendete una Bond Girl e datele una storia. Per me il personaggio di James Bond è un uomo. Davvero. Ci vuole un personaggio in una serie del tutto indipendente, perché una donna dovrebbe accontentarsi di arrivare seconda? Perché dev’essere stata prima un uomo? Perché non creare un’agente donna tosta di suo?”

Perentorio era stato il commento di Rachel Weisz che aveva affermato senza mezzi termini:

“Bond è un maschio. A noi servono più Wonder Woman

Per chi se lo fosse perso ecco il trailer di No Time To Die:

E voi, cosa ne pensate di questa discussione aperta da Lashana Lynch, James Bond potrà essere interpretato anche da una donna?
Vi è piaciuto questo articolo?
Fatecelo sapere nei commenti. Per questa ed altre news e per rimanere sempre aggiornati sul mondo del cinema attraverso focus, classifiche e recensioni, veniteci a trovare sul nostro sito: Ciakclub.

 

Facebook
Twitter