La caduta della casa degli Usher, il Ligodone esiste davvero?

Netflix ha portato sul suo catalogo a partire dal 12 ottobre una novità: una miniserie intitolata La caduta della casa degli Usher. La serie si basa su un racconto di Edgar Allan Poe ed un ruolo importante all’interno della trama viene giocato dal Ligodone. Scopriamo cosa è insieme.
Il cast della Caduta della casa degli Usher e il Ligodone

La caduta della casa degli Usher è una miniserie ideata, scritta e diretta dal regista Mike Flanagan e si basa sull’omonimo racconto breve del celebre autore Edgar Allan Poe. La serie tv è composta da otto puntate in cui si seguono le vicende di Roderick Usher, un uomo dal passato oscuro proprietario della ricca casa farmaceutica Fortunato Pharmaceuticals, che ha fatto la sua fortuna grazie al farmaco Ligodone. Ora il protagonista però si vede morire misteriosamente tutti i possibili eredi del suo patrimonio e deve affrontare la visione dei loro fantasmi che lo perseguitano.

Il farmaco Ligodone ricopre un ruolo importante all’interno della narrazione della serie. Esso è presentato dal protagonista come un farmaco miracoloso che non ha alcun sintomo sui consumatori, ma solo dopo diverso tempo si viene a scoprire che crea una forte dipendenza per chi lo usa, portando molte persone alla morte.

Questa droga sembra prendere ispirazione dall’antidolorifico Oxycodone, presente nel mondo reale. Tale farmaco ha seguito la stessa storia: venduto in modo fraudolento dalla casa farmaceutica Purdue Pharma, spacciandolo come una sostanza che creava meno dipendenza rispetto agli oppiacei. Tutto ciò portò ad una crisi nel mercato e la morte di diversi pazienti.

Quindi la trama prende ispirazione da eventi accaduti nella realtà e li mescola con la narrazione di Edgar Allan Poe. Il regista utilizza questo escamotage per criticare l’industria farmaceutica e il modo in cui sfrutta la gente per i suoi profitti. Netflix ha comunque già annunciato una seconda stagione (ecco i dettagli).

Hai visto La caduta della casa degli Usher? Hai capito il finale?

Facebook
Twitter