La BBC sta realizzando un documentario su Harvey Weinstein

Considerato il risalto dato dai media di tutto il globo agli scandali legati al produttore Harvey Weinstein, non dovrebbe sorprendere il sempre crescente interesse del pubblico a tal proposito. La BBC è pronta a rispondere a quest’interesse con un documentario che ha già ordinato di realizzare e il cui rilascio è previsto nel 2018.

Il tema centrale sarà l’ascesa e la caduta di Weinstein. Stando a prime anticipazioni il documentario vedrà interviste alle attrici che hanno accusato il produttore, così come numerosi agenti, registi, e altre figure rilevanti legate all’industria cinematografica.

Nefandezze del produttore a parte, la BBC ha intenzione di condurre un’analisi del tema in termini generali, osservando la situazione ad Hollywood e nel settore dell’intrattenimento statunitense. Una buona notizia per chi, più che alla cronaca scandalistica, sono interessati ad una conoscenza più profonda dell’argomento.

Nicole Kidman e Harvey Weinstein

La regista del documentario sarà Ursula MacFarlane, che alcuni ricorderanno per il suo lavoro svolto in Charlie Hebdo: Three Days that Shook Paris. Due dei produttori esecutivi saranno Simon Chinn e Jonathan Chinn, i cugini che hanno già vinto un Oscar e un Emmy per il loro lavoro relativo ad altri progetti. Insomma, il progetto sembra in mani sicure e pare indirizzato verso la proposizione di un taglio giornalistico, invece di uno sensazionalistico.

Come detto, l’uscita del documentario è prevista in una data non meglio specificata del 2018 in Gran Bretagna. Purtroppo questo è quanto si sa finora, il che significa che gli interessati dovranno continuare a prestare attenzione alle notizie che usciranno nei prossimi mesi. Ovviamente, una volta rilasciato, appare molto probabile un’ulteriore attesa per i soliti problemi relativi alla distribuzione, specialmente per i paesi non anglofoni come il nostro.

Naturalmente noi di Ciakclub.it non mancheremo di tenervi aggiornati sul tema. Anche perché, stando alle indiscrezioni rilasciate dagli addetti ai lavori, il documentario sembra valere l’attesa richiesta.

Facebook
Twitter