John Wick 3 – Parabellum, recensione: all’Uomo Nero non je devi…

Ieri, sabato 16 dicembre, John Wick 3 – Parabellum è sbarcato sulla piattaforma streaming a pagamento di Infinity+. L’avvincente terzo capitolo di una delle saghe action più amate dal pubblico è pronto ad accompagnarci in questo dicembre che si prepara al Natale. Questa è la nostra recensione!
Keanu Reeves nel poster del film John Wick 3 - Parabellum

Le persone possono essere divise in due categorie, in questo periodo dell’anno: quelli che guardano i film natalizi e quelli che non ce la possono proprio fare. Per questa seconda – e so che tra voi lettori c’è qualcuno di loro – ci sono buone notizie. Infatti, da ieri, sabato 16 dicembre, John Wick 3 – Parabellum è sbarcato sulla piattaforma streaming di Infinity+. Si tratta del terzo capitolo della saga action interpretata da Keanu Reeves che, riscontrando un buon successo sia da parte del pubblico, che della critica, si è persino aggiudicato il premio Golden Tomato Awards per il film d’azione meglio recensito.

John Wick 3 – Parabellum, la trama

Sono passati solo pochi minuti dalla conclusione dell’action movie 2.0 precedente. John è in fuga. È ricercato dopo l’assassinio, senza permesso, del boss della Camorra – nonché membro della Gran Tavola – Santino D’Antonio. Ha una taglia da 14 milioni di dollari sulla testa, nonostante lui si comporti come se non l’avesse, vista l’abitudine. Sarebbe inutile specificare cosa significhi questo, ma lo facciamo comunque. Sicari su sicari vorranno appropriarsi della somma, tentando di far fuori il nostro amato protagonista. Allo stesso modo, sarebbe inutile dire che Wick non si lascerà prendere molto facilmente, ma combatterà con le unghie e con i denti.

Il personaggio interpretato da Keanu Reeves si muove di continuo e, anche in questo caso, si sposta dalla Grande Mela a Casablanca, in Marocco, solo per potersi permettere un colloquio con chi è al di sopra dell’organizzazione criminale della Gran Tavola. Questa persona ha un nome, ed è conosciuto come il Reggente. Quest’ultimo gli offre una via d’uscita, ma in cambio gli commissiona un omicidio e la sua eterna fedeltà all’organizzazione. Che dire… John Wick sembra accettare, ma lo sappiamo, con lui non si può mai sapere, e i suoi piani potrebbero cambiare da un momento all’altro. Non diciamo altro!

Il film migliore della saga?

Keanu Reeves in una scena del film John Wick 3 - Parabellum

John Wick 3 – Parabellum è probabilmente il migliore della saga. Non tanto per un discorso di trama poiché, sotto questo punto di vista, nessuno dei capitoli ha una scrittura travolgente. Ma non è questo il suo obiettivo, così come non è per questo che i fan amano così tanto i suoi film. Questa terza frazione del racconto, è adrenalina pura. Ha un ritmo impressionante. È come una ferrari lasciata libera in autostrada. E la cosa ancor più difficile, che il regista riesce però a gestire in modo efficace, è quella di creare una suspense convincente, nonostante il suo ritmo incalzante.

Se solitamente l’effetto suspense – come ci insegna il maestro Alfred Hitchcock, per fare un nome – si sia sempre riscontrata in momenti temporalmente dilatati, in questo caso è l’opposto, in cui questo stato di tensione è interrotto da sparatorie, violente lotte a mani nude o lanci di coltelli, dando vita – grazie ad un ottimo lavoro registico – a movimenti coreografici ancor più di impatto ed avvincenti rispetto ai due film precedenti. Oltre all’azione, una grande varietà (superiore rispetto al solito) di personaggi e dinamiche differenti si alternano nell’intreccio narrativo. Poco da aggiungere. Questo film fa quello che deve e lo fa bene.

Un po’ uomo, un po’ animale

Keanu Reeves in una scena del film John Wick 3 - Parabellum

“Le regole sono la sola cosa che ci separano dagli animali” citano più volte i personaggi del franchise diretto da Chad Stalhelski. Detto questo, comunque, questi sembrano amarli davvero gli animali – oltre a lottare come fossero tali – in primis John Wick stesso. Soprattutto i cani. Ricordiamo il movente motore del primo film. Nonostante ciò, il nostro amato protagonista sembra assomigliare più ad un gatto che ad un cane, ma probabilmente con ancor più di sette vite. Forse è immortale? Magari, nascosto da qualche parte, il caro vecchio John nasconde un horcrux, all’interno del quale ha nascosto parte della sua anima.

Insomma, vi conviene guardare John Wick 3 – Parabellum, se non volete che lo stesso protagonista vi venga a cercare a casa. Oltre a questo titolo, comunque sia, vogliamo proporvi tutte le uscite di questo dicembre su Infinity+.

Facebook
Twitter