John Travolta: “Tom Hanks mi soffiò il ruolo che lo lanciò a Hollywood”

John Travolta, in una lunga intervista rilasciata nel corso del talk-show Hart to Heart, ha ripercorso la sua lunga carriera di attore e la sua vicenda biografica.
L’attore di La febbre del sabato sera, Grease e Pulp Fiction ha raccontato di aver perso molti ruoli originariamente pensati per lui, ma poi assegnati ad altri attori.
Nello specifico l’attore si è soffermato sul ruolo in I giorni del cielo, film del 1973 diretto da Terrence Malick, che andò a Richard Gere, e sul ruolo di protagonista in Splash – Una sirena a New York, film che consacrò Tom Hanks nel mondo di Hollywood:

Terrence Malick mi voleva per un film chiamato ‘I giorni del cielo’, e ho fatto il provino subito dopo ‘Carrie’ e prima di ‘The Boy in the Plastic Bubble’. Ma il ruolo è poi andato a Richard Gere e da lì ha interpretato parecchi ruoli al mio posto. Il ruolo nel film con Tom Hanks, Splash, una sirena a Manhattan, è stato scritto per me. Ma poi senza quel film non avremmo avuto Tom Hanks, quindi meglio così!”

John Travolta ha poi parlato delle sue vicende personali. L’attore, che ha perso il figlio Jett nel 2009, a soli 16 anni e la moglie Kelly Preston, venuta a mancare a luglio del 2020 a causa di un tumore, ha raccontato di esser stato costretto a parlare di morte con suo figlio Ben:

Ben un po’ di tempo fa mi ha detto: ‘Poiché la mamma è morta, temo che morirai anche tu’. Io gli ho detto, ‘Beh, è ​​una cosa molto diversa.’ E gli ho spiegato le differenze tra me e quello che è successo a sua madre.
Gli ho detto: ‘Sai, Ben, tu vuoi sempre la verità quindi ti dirò la verità sulla vita. Nessuno sa quando moriremo. Tuo fratello Jett se n’è andato a 16 anni. Era troppo giovane. Tua madre se n’è andata a 57 anni. Anche lei era troppo giovane. Ma chi può dirlo? Io potrei morire domani. Potresti morire anche tu. Chiunque può morire domani. L’importante è stare vicino alle persone importanti della tua vita. Bisogna fare del proprio meglio per considerare questa cosa come parte della vita.”

Per altre notizie continuate a seguirci su CiakClub.it

 

Facebook
Twitter