J.K. Rowling accusata nuovamente di transfobia dopo alcuni tweet

Altre polemiche legate ai post su Twitter di J.K. Rowling, la creatrice della serie di romanzi di Harry Potter. Difatti, la discussione è nata nel mese di Dicembre, quando la scrittrice si è schierata dalla parte della ricercatrice Maya Forstater, la quale era stata licenziata per aver affermato che il sesso biologico è qualcosa di oggettivo. Nella scorse ore la polemica si è riaccesa in seguito ad un ulteriore post che J.K. Rowling ha pubblicato sempre sul suo profilo.

J.K. Rowling, come potete vedere, ha condiviso un articolo dal titolo “Creare un mondo più equo dopo il COVID-19 per le persone che hanno le mestruazioni” a cui ha aggiunto il commento “Persone che hanno le mestruazioni. Sono convinta che ci sia un termine per queste persone. Qualcuno mi aiuti”. Da qui è nata la polemica ed i follower della scrittrice hanno nuovamente puntato il dito contro la donna affermando che stesse offendendo le donne transessuali.

J.K. Rowling ha prontamente risposto alle accuse con altri Tweet. Qui vi riportiamo il più significativo: “Se il sesso non è reale, non c’è attrazione tra lo stesso sesso. Se il sesso non è reale, la realtà vissuta dalle donne a livello globale viene cancellata. Conosco e amo le persone trans, ma cancellare il concetto di sesso rimuove la capacità di molte persone di discutere in modo significativo le proprie vite. Non è odio dire la verità. L’idea che le donne come me, che hanno provato empatia per le persone transessuali per decenni, provando affinità perché sono vulnerabili nello stesso modo delle donne – vale a dire, ad esempio, nei confronti della violenza degli uomini – che possano “odiare” i trans perché pensano che il sesso sia reale e ne ha subito le conseguenze è un’assurdità”.

Infine, J.K. Rowling ha concluso la discussione con un ultimo Tweet, nel quale ha fatto ulteriore chiarezza del suo punto di vista: “Rispetto il diritto di tutte le persone transessuali di vivere in ogni modo che considerano vero ed adeguato. Pretesterei con voi se veniste discriminati sulla base dell’essere transessuale. La mia esistenza è però stata delineata dall’essere di sesso femminile. Non credo che sia un’espressione di odio dirlo”.

Per tutte le news sul mondo del cinema e molto altro ancora, continua a seguirci su CiakClub.

Facebook
Twitter