Irish Wish – Solo un desiderio, recensione: Lindsay Lohan è tornata

Irish Wish – Solo un desiderio, già dal nome, è un film in parte di genere fantasy, che strizza l’occhio alla commedia romantica. Diretto da Janeen Damian e scritto da Kirsten Hansen, il titolo è un lungometraggio simpatico, leggero e senza troppe pretese. Ecco la nostra recensione!

Ieri, venerdì 15 marzo, il catalogo del gigante dello streaming, Netflix, si è arricchito di un nuovo film per tutti gli abbonati. Il prodotto in questione è Irish Wish – Solo un desiderio. Il desiderio irlandese, un titolo che fin da subito richiama la magia che vi si cela dietro. Il lungometraggio, infatti, oltre ad essere una banalissima (senza nessun accezione negativa) commedia romantica, porge la mano a quel tocco di fantasy, capace di rendere il film ancor più allegro e spensierato, ma senza avere chissà quali pretese. Semplice nella sua semplicità. Un lungometraggio che potrete vedere sul piccolo schermo in coppia o insieme a tutta la famiglia.

Irish Wish – Solo un desiderio, la trama

Maddie è una scrittrice talentuosa. Un giorno viene a conoscenza del fatto che quella che pensava fosse la sua anima gemella, uno scrittore per cui lavora, Paul, ben presto si sarebbe sposata… con la sua migliore amica, Emma. Un colpo senza dubbio forte da incassare, ma la maturità della ragazza sembra sconfiggere il suo risentimento e persino i suoi sentimenti. Soprattutto quando le viene chiesto di fare da damigella d’onore al fatidico evento, che si sarebbe tenuto in Irlanda. Un altro boccone amaro, anche questa volta, difficile da digerire. Ma tutto sta per cambiare. Soprattutto quando ci si affida alla speranza, ultima a morire.

Infatti, quando pochi giorni prima dell’evento la protagonista esprime un desiderio – quello di trovare finalmente il vero amore – non pensava che sarebbe accaduto quanto effettivamente è successo. I desideri sono solo desideri. Ma qualche volta sembrano avverarsi. Tanto che Maddie va a dormire serena, non sapendo che, il giorno della cerimonia, si sarebbe svegliata come se lei stessa fosse in procinto di sposarsi. Beh, vi lasciamo immaginare il resto. Ma con chi si sposerà? E chi sarà, a questo punto, la sua damigella? Che dire, vi basta semplicemente mettervi comodi, accendere la vostra televisione e cliccare play. Nulla di più!

Un film semplice, senza troppe pretese

Ed Speleers (James) e Lindsay Lohan (Maddie) in una scena del film Irish Wish - Solo un desiderio

Vedendo Irish Wish – Solo un desiderio non siamo rimasti sopresi, né positivamente, né negativamente. D’altronde, chi decide di guardarlo, non riteniamo abbia voglia di essere spettinato in modo particolare. Questo prodotto è il perfetto esempio di titolo da guardare dopo una giornata di lavoro, quando si è stanchi e la voglia di immergersi in una narrazione impegnativa non è contemplata. E in questo, il film riesce bene. Uno di quei racconti che sembra quasi di aver già visto, perché è un po’ “una copia di una copia”, come direbbe Edward Norton nel capolavoro di David Fincher, Fight Club (sapevate che il film è stato persino distribuito in Cina, ma con un altro finale?)

Chiacchiere a parte, tornando al titolo in questione, intrattiene per il semplice gusto di farlo, senza pretendere di essere più di quanto effettivamente sia. Una commedia romantica con un pizzico di fantasy, che riesce a venire incontro di diversi gusti, rendendosi un film da guardare sia in coppia, ma anche in famiglia – chi scrive l’ha visto da solo, quindi figuratevi – accontentando dai più grandi ai più piccoli, all’insegna della dolcezza e della leggerezza. Un’opera fiabesca ambientata nella folcroristica Irlanda degli gnomi, con una vastità di colori tipica dell’arcobaleno. Infine, Irish Wish – Solo un desiderio risulta essere questo: un film semplice, senza troppe pretese.

Una dinamica Lindsay Lohan

Lindsay Lohan (Maddie) in una scena del film Irish Wish - Solo un desiderio

Il film dal titolo Irish Wish – Solo un desiderio – da non confondere con quello del manga Wish – Soltanto un desiderio, come stava facendo chi scrive – come abbiamo detto, non ha particolari guizzi registici o intuizioni narrative, ma nel suo complesso risulta credibile nelle sue intenzioni. Il merito è anche di un cast ben assemblato. In particolare, la scelta dell’attrice protagonista, Lindsay Lohan, è stata una scelta azzeccata per quel ruolo, grazie al suo essere un’interprete eccentrica e dinamica. A noi piacciono le storie con un lieto fine, quelle delle rinascite. E siamo contenti di vederla aver superato le difficoltà che avevano messo a rischio la sua carriera.

C’è poco altro da aggiungere. Se avete voglia di passare una serata tranquilla e vedere un film che vi mette di buon umore, da ieri c’è Irish Wish – Solo un desiderio, che potrebbe fare al caso vostro. Voi cosa ne pensate? Noi vi consigliamo di vedere anche il resto del catalogo Netflix nel mese di marzo.

Facebook
Twitter