Immaculate: spiegazione del finale del film horror con Sydney Sweeney

Immaculate è la storia di suor Cecilia, interpretata da Sydney Sweeney, che arriva in un convento in Italia e scopre un’inquietante realtà che la vede coinvolta in un progetto di padre Sal che intende riportare un nuovo Messia sulla Terra. Tra spiritualità, religione, scienza e cospirazioni, il film vi aspetta il cinema ed ecco come finisce!
Sydney Sweeney in una scena del film Immaculate

Immaculate è un nuovo horror pronto a spaventare il pubblico italiano con la sua uscita domani nelle sale del nostro paese. Oltre a Sydney Sweeney che interpreta la protagonista, affiancata dal Professore de La casa di carta – Álvaro Morte – nel cast ci sono anche alcuni attori italiani. Scopriamo di cosa parla il film e, per chi l’ha visto, proviamo a capirci qualcosa del finale!

Di cosa parla Immaculate

Suor Cecilia è una novizia che viene accolta da padre Sal Tedeschi in un convento italiano. Fra le mura del remoto edificio scopre non solo alcuni inquietanti fra le consorelle più anziane, ma soprattutto di essere incinta. Da quel momento la suora viene considerata dal cardinale come una nuova Vergine Maria, per questo invidiata dalla gelosia di molte consorelle.

Andando avanti col film, però, scopriamo che la storia di suor Cecilia non è identica a quella della Vergine Maria. Infatti, la suora è stata utilizzata come cavia per un esperimento di padre Sal – che prima di essere un religioso faceva il mestiere di genetista. A partire da una reliquia di Gesù ha avviato uno studio sperimentale per riprodurre un nuovo Messia. E Cecilia è stata scelta proprio come incubatrice del nuovo Cristo. Segui questo il link per il resto delle informazioni su cast, trama e molto altro.

Spiegazione del finale di Immaculate

L’epilogo del film di Michael Mohan è un vero e proprio shock per gli spettatori. Dopo che Cecilia, scoperto il segreto di Padre Sal, prova a fuggire dal convento, viene tenuta prigioniera fino al parto del Messia. Lei non si rassegna, però, e riesce a colpire con un crocifisso la Superiora e strangolare il cardinale con un rosario a grani.

Arrivata al laboratorio Cecilia intende dargli fuoco con padre Sal all’interno. Il religioso, però, nonostante le fiamme riesce a scappare e fa di tutto per estrarre il nascituro dal grembo della suora. Cecilia pugnala col chiodo della crocifissione di Gesù padre Sal, riesce a scappare dal recinto del convento e – proprio in quel momento – sente romperlesi le acque. Morde il cordone ombelicale, partorisce la creatura del suo grembo e… le fracassa il cranio con la roccia più grande che trova a disposizione.

Secondo voi, nel grembo di suor Cecilia, era contenuto il nuovo Messia? Satana? O un bambino qualsiasi? Diteci la vostra opinione sul finale di Immaculate, se siete sopravvissuti alla visione inquietante del film! Ed ecco, sempre per voi, tutte le altre uscite di Luglio al cinema.

Facebook
Twitter