Il mondo dietro di te: qual è il significato dei cervi?

Il mondo dietro di te è il film che più sta facendo discutere Internet. Vuoi per la sua natura un po' criptica, vuoi per la delicatezza del tema, vuoi per le sua particolarità, il film è al centro del dibattuto. Una domanda in particolare attanaglia il mondo: perché i cervi stanno lì? Ecco, qui proviamo a rispondere.
Il cervo nel poster del film Il mondo dietro di te

Il mondo dietro di te è il film che più sta facendo discutere il web. La pellicola di Sam Esmail (già creatore di un gioielli come Mr. Robot) ha infatti incanalato la curiosità degli spettatori. Un po’ per il tema delicato (e attualissimo), un po’ per la presenza di attori di caratura internazionale come (Julia Roberts, Ethan Hawke e Mahershala Ali), un po’ per i suoi passaggi oscuri e un po’ criptici, il film sta suscitando grande attenzione e, parimenti, tantissime domande, specialmente legate alla simbologia del film. Una delle più frequenti riguarda certamente la presenza dei cervi, diffusa per tutta la pellicola.

I cervi, come del resto tutti gli animali (umani compresi) che compaiono in Il mondo dietro di te (che noi abbiamo abbastanza apprezzato), si comportano in modo strano ma sono questi, in particolare, a fungere da presenza ricorrente nel corso dell’opera. Si manifestano infatti più volte nel corso della pellicola, sia come figure silenziose e innocenti, sia come potenziale pericolo per i protagonisti. La ragione dello strano comportamento degli animali risiede probabilmente nel “disastro ambientale” non meglio specificato alla base del crac tecnologico da cui scaturiscono tutte le vicende del film. Tuttavia, la presenza così incombente di questi animali non è legata solo a questo.

“In un mondo in cui tutto va a pezzi, volevo creare un ribaltamento. Ecco la scelta di trasformare animali docili come i cervi in una presenza inquietante, quasi un avvertimento per gli uomini che li vedono. Lo abbiamo fatto con tante altre cose: le abbiamo prese e rese minacciose. Ci sembrava molto interessante”. Questo dice il regista Sam Esmail a Tudum. Con un finale che fa discutere e una minaccia che si riflette sulla realtà (quante volte abbiamo sentito, giustamente, parlare dei rischi di un collasso climatico?), Il mondo dietro di te ha appena iniziato il suo percorso, ma sembra già pronto e diventare cult.

Facebook
Twitter