Il geniale spot di Martin Scorsese con gli alieni per il Super Bowl [VIDEO]

Avete presente quando in Nope di Jordan Peele tutti erano distratti dal tentativo di immortalare l’alieno a tutti i costi? Bene, oggi Martin Scorsese propone uno spot in cui nessuno si fila gli alieni. Si tratta di uno spot per il prossimo Super Bowl ed è una critica ad un mondo immerso nei propri schermi.
Martin Scorsese in una scena dello spot Hello Down There per il Super Bowl

Martin Scorsese dirige uno spot pubblicitario. Ancora meglio, Martin Scorsese dirige uno spot pubblicitario per il Super Bowl. Ancora meglio. Martin Scorsese dirige gli alieni in uno spot pubblicitario per il Super Bowl. Domani, tra la notte di domenica 11 e lunedì 12, andrà in onda la cinquantottesima edizione di uno degli eventi sportivi più seguiti e attesi di sempre: il Super Bowl. Kansas City Chiefs e i San Francisco 49er, ma soprattutto, il Super Bowl è per eccellenza l’evento degli spot. 

E nel paese in cui l’intrattenimento la fa da padrona, non sorprende che il Super Bowl sia seguito da tutti, amanti dello sport e non, più che per le squadre di per sé, per le esibizioni e per le originali interruzioni pubblicitarie che ogni anno riserva agli spettatori. Quest’anno, però, si aggiunge alla lista  uno spot d’eccezione, diretto da niente di meno che Martin Scorsese. Che ovviamente, come anche con il suo ultimo, particolare cameo in Killers of the Flower Moon, non poteva far a meno di comparire nel suo stesso spot, come da tradizione della sua filmografia. 

Si intitola Hello Down There ed è una richiesta di attenzioni degli alieni, diretta ad una razza umana ormai alienata… non per via degli invasori ma per colpa degli smartphone e degli schermi. “Cosa deve fare una civiltà estremamente avanzata per essere notata quaggiù?” Nello spot gli alieni arrivano a Manhattan ma nessuno se ne rende conto. Alcuni sono impegnati a guardare gattini sul telefono, altri cercano online l’ultima dieta delle celebrità. Ma gli alieni hanno creato un sito per lanciare un messaggio di pace e attirare la loro attenzione, proprio attraverso gli stessi schermi che hanno distolto l’attenzione di tutti dal loro arrivo.

Lo fanno tramite la piattaforma web Squarespace. Mentre il traffico di Manhattan aumenta, Scorsese si affaccia dal finestrino della macchina e rimprovera gli alieni con il suo classico umorismo: “Vi avevo detto di prendere Broadway. Succede continuamente”. Intanto Martin Scorsese, ricordiamo, tornerà ancora tra noi nel prossimo film, un film non corto quanto questo, ma comunque, un film dalla durata di soli 80 minuti.

Facebook
Twitter