House of the Dragon, dov’eravamo rimasti? Cosa ricordare prima della stagione 2

Il Trono di Spade è il successo televisivo partorito dai romanzi della saga di George R. R. Martin. Dal 2022 su Sky e NOW è a disposizione House of the Dragon, lo spin-off prequel alle otto stagioni de Il Trono di Spade che dal 16 giugno tornerà con una seconda stagione ad approfondire la Danza dei Draghi. Ecco da dove ripartiamo!
Paddy Considine, Emma D'Arcy e Matt Smith in una scena della serie tv House of the Dragon

Il successo de Il Trono di Spade non si esaurisce soltanto nelle 8 stagioni della serie televisiva. Nel 2022, infatti, l’universo televisivo a partire dai libri di George R. R. Martin si è arricchito con lo spin-off House of the Dragon. Conquistato un largo successo, già prima della fine dell’uscita degli episodi della prima stagione è stata rinnovata una seconda stagione, che sta per uscire su Sky e NOW. Per non arrivare impreparati, ecco un riassunto della prima stagione.

House of the Dragon: il riepilogo della stagione 1

La serie spin-off funge da prequel a Il Trono di Spade perché è ambientata quasi 200 anni prima delle vicende della serie madre. Daenerys Targaryen nascerà più di 170 anni dopo e House of the Dragon ripercorre la storia della Casa Targaryen, attraversata da una guerra civile che prende il nome di “Danza dei Draghi”.

I protagonisti del prequel sono:

  • Viserys I Targaryen, quinto re dei Sette Regni e successore di suo nonno Jaehaerys
  • Rhaenyra, figlia di Viserys e pretendente al titolo di regina dei Sette Regni
  • Aegon II, figlio minore di Viserys che ambisce al trono e ostacola la sorellastra
  • Daemon, fratello di Viserys e affamato di potere grazie alla Sorella Oscura – una spada lasciatagli in eredità dal nonno, il re Jaehaerys tanti anni prima.

La prima stagione di House of the Dragon si concludeva con la morte del re Viserys. Proprio per questo, la seconda stagione (il creatore ci aveva già spiegato da dove sarebbe ripartito) racconterà la spaccatura del regno di Westeros, intento a scegliere per quale fazione di casa Targaryen patteggiare.

Il problema più grande creatisi nella dinastia, all’apice del suo potere con il controllo di 10 draghi, riguarda proprio Rhaenyra. Il re Viserys, nominando sua figlia come erede al Trono di Spade, interrompe una tradizione secolare, maschile, e crea ancora più disappunto e shock quando – alla nascita di un figlio maschio (Aegon), la femmina mantiene ancora il ruolo di erede e il canale privilegiato per l’accesso al trono.

Chi siederà sul Trono di Spade e, soprattutto, in House of the Dragon 2 cosa succederà alla Casa dei Targaryen, per arrivare – dopo le oltre 4 stagioni preventivate – al Daenerys che tutti conosciamo? Non ci resta che aspettare il 16 giugno per gustare tutti gli 8 episodi della seconda e nuova stagione!

Facebook
Twitter