Morgan Freeman risponde alle accuse: “Non ho molestato nessuno”

<<Sono devastato dal fatto che 80 anni della mia vita siano potenzialmente minacciati, in un battito di ciglia, dalle notizie dello scorso giovedì>> – ha dichiarato Morgan Freeman a proposito delle accuse riportate da un’inchiesta della CNN. Stando a quanto riportato, l’attore afro-americano si sarebbe reso protagonista di palpeggiamenti inappropriati e commenti inopportuni (pare abbia chiesto ad una dipendente se portasse biancheria intima).

Ha poi aggiunto: <<Ci tengo ad essere chiaro: non ho creato ambienti di lavoro tossici. Non ho molestato nessuno. Non ho offerto impieghi o avanzamenti di carriera in cambio di sesso. Ogni dichiarazione rilasciata in tal senso è da considerarsi assolutamente falsa>>.

L’attore premiato con il SAG Award alla carriera, lo scorso 21 gennaio

Già giovedì scorso, subito dopo le accuse lanciate dalla CNN, l’attore aveva già avuto modo di rilasciare un comunicato più breve: <<Chiunque mi conosca, o che abbia lavorato per me, è a conoscenza del fatto che io non sia una persona che farebbe sentire a disagio od offenderebbe qualcuno intenzionalmente. Chiedo scusa a chi non si sia sentito a proprio agio o abbia notato una mancanza di rispetto da parte mia – non è mai stato il mio intento ottenere ciò>>.

In seguito alle notizie delle ultime ore, Visa ha tagliato i ponti con Freeman, voce storica delle pubblicità televisive e radiofoniche della compagnia. Gli Screen Actors Guild Award, dove quest’anno l’attore aveva ricevuto il premio alla carriera, hanno dichiarato che in queste ore stanno pensando ad “azioni correttive”.

Di seguito il testo completo del comunicato:

I am devastated that 80 years of my life is at risk of being undermined, in the blink of an eye, by Thursday’s media reports.

All victims of assault and harassment deserve to be heard. And we need to listen to them. But it is not right to equate horrific incidents of sexual assault with misplaced compliments or humor.

I admit that I am someone who feels a need to try to make women–and men–feel appreciated and at ease around me. As a part of that, I would often try to joke with and compliment women, in what I thought was a light-hearted and humorous way.

Clearly I was not always coming across the way I intended. And that is why I apologized Thursday and will continue to apologize to anyone I might have upset, however unintentionally.

But I also want to be clear: I did not create unsafe work environments. I did not assault women. I did not offer employment or advancement in exchange for sex. Any suggestion that I did so is completely false.

Facebook
Twitter