Freaks Out: l’uscita del nuovo film di Gabriele Mainetti è stata rimandata

Anche Freaks Out, l’attesissimo secondo lungometraggio di Gabriele Mainetti, regista dell’acclamato Lo chiamavano Jeeg Robot, ha subito una posticipazione nell’uscita.
Il film, che stando ai piani originali doveva essere presentato al Festival di Berlino, ha incontrato una serie di difficoltà realizzative che hanno richiesto l’allungamento dei tempi di post-produzione.
Gabriele Mainetti, intervistato da Il Messaggero, ha annunciato che l’uscita del suo nuovo film, in programma per il 22 ottobre di quest’anno, è stata rimandata.

“La data del 22 ottobre è saltata. È un film costoso, è impostante che affronti il cinema in un momento felice. Vedremo. A giugno entriamo in sala mix. A settembre sarà pronto.”

Queste le parole di Mainetti che ha sottolineato come sia effettivamente molto rischioso far uscire un film che ha richiesto dei costi di produzione elevatissimi in un momento in cui le sale non saranno, molto probabilmente, ancora piene e si troveranno ad affrontare limitazioni di vario genere.
Il regista romano ha così risposto alla suggestione del presentare il suo nuovo film alla Mostra del cinema di Venezia, evento che si terrà regolarmente:

“Non lo so. Non credo sia nei nostri orizzonti. Ma un Festival lo farei, anche se so che questo film potrebbe essere pesantemente giudicato. L’ho pensato per il pubblico e i Festival, in genere, sono elitari. Ma non li temo.”

Freaks Out, il nuovo film di Gabriele Mainetti, racconta la storia di tre ragazzi che nel 1943 lavorano in un circo di Roma. A seguito della scomparsa del loro padre putativo i tre ragazzi si ritrovano a dover trovare una propria collocazione sociale in una Roma distrutta e logorata dal secondo conflitto mondiale.
Il film è stato già soggetto a numerosissimi rimandi e la sua uscita, originariamente prevista addirittura nel 2019, è ora di nuovo rimandata a una data di cui ancora adesso non sappiamo nulla.

Questa e altre notizie su Ciakclub.it

Facebook
Twitter