A guardia di una fede

Claudio Bocia Galimberti in una scena del film documentario A guardia di una fede

Nella sezione Fuori Concorso, Ritratti e Personaggi della 41esima edizione del Torino Film Festival è stato presentato A guardia di una fede, un documentario diretto da Andrea Zambelli. Il regista, bergamasco di origine, ha voluto dedicare un film a Claudio Galimberti, detto Il Bocia. Una figura poco conosciuta ma il cui impatto sul tifo organizzato calcistico è stato di fondamentale importanza.

Prodotto da Rossofuoco con il sostegno del Film Commission Torino Piemonte, il film mostra uno spaccato di vita, dipinge un martire, ne mostra i lati oscuri e i lati sensibili. Un’immersione nel cambiamento del calcio negli ultimi trent’anni, nella politica, nel popolare italiano. Un paese che cambia assieme al suo sport e viceversa, tutto dal punto di vista di uno dei più carismatici leader ultrà del nostro paese.

Trama

All’inizio degli anni ’80 un bambino di appena 10 anni di nome Claudio Galimberti viaggia in Portogallo con il babbo, gli zii e un esteso gruppo di tifosi dell’Atalanta Calcio per sostenere e tifare la loro squadra del cuore. Il piccolo Claudio veniva chiamato dai più grandi “Il Bocia”, che in dialetto bergamasco significa “il bambino”. Da allora Il Bocia non ha perso una partita o una trasferta, rendendo il tifo organizzato atalantino il suo motivo di vita.

Il Bocia ha sempre amato la sua città, al punto da volerla valorizzare attraverso il tifo organizzato. Claudio, negli anni, ha organizzato manifestazioni, eventi, raccolte fondi. Come ha potuto ha aiutato la sua città a crescere e ad unirsi, l’ha fatto. Il carisma, però, spesso da fastidio, soprattutto se molto forte. Il Bocia, dal carattere esplosivo ed energetico, ha avuto, negli anni, numerosi problemi con le forze dell’ordine.

Scontri violenti per lo più con le guardie armate, diffide, fogli di via, carcere, arresti domiciliari. Il Bocia è stato un martire del tifo organizzato, preso di mira dai media e dalla politica, capro espiatorio che il governo degli anni ’90 utilizzava per ridefinire il pubblico medio calcistico. Amato e odiato, voluto e allontanato, il documentario ci accompagna nella vita di questa figura controversa, anti-eroe di altri tempi.

Attraverso reperti giornalistici, trafiletti di giornale e molto materiale originale, A guardia di una fede ripercorre la vita del Bocia, del tifo atalantino e della repressione che gli ultras, negli anni, hanno subito e alimentato.

Facebook
Twitter
La locandina del film documentario A guardia di una fede

Titolo Originale

A guardia di una fede

Titolo ITALIANO

A guardia di una fede

Anno

2023

Programmazione

nessun valore

Paese di Produzione

Italia

Data di Uscita Originale

28/11/2023

Data di Uscita Italiana

28/11/2023

Genere

Documentario

Casa di Produzione e/o Distribuzione

20th Century Fox

Regista

Andrea Zambelli

Attori Protagonisti

Claudio Galimberti

Sceneggiatore

Andrea Zambelli

Durata

102

Premi