Fast & Furious 7, come sono state girate le scene con Paul Walker dopo la tragica morte

La morte improvvisa di Paul Walker durante la produzione di Fast & Furious 7 ha scosso il mondo del cinema. Tuttavia, il film è stato completato utilizzando una combinazione di tecnologia CGI e l'aiuto dei fratelli di Walker. Il risultato è stato così convincente che molte scene non si distinguono da quelle reali.
Paul Walker nella scena finale di Fast & Furious 7

Quando un attore muore improvvisamente, il mondo del cinema si ferma. E quando quell’attore è Paul Walker, uno dei protagonisti della saga di Fast & Furious, la sua scomparsa diventa una tragedia per milioni di fan. Walker è morto in un incidente stradale nel 2013, mentre il settimo film della serie era ancora in lavorazione. Come ha fatto il team di Fast & Furious 7 a portare avanti il progetto e a rendere omaggio al loro amico e collega? La risposta è una straordinaria opera di tecnologia ed arte.

L’eredità di un’icona

Paul Walker era uno dei volti più amati e riconoscibili della saga di Fast & Furious, il franchise action che ha conquistato il pubblico di tutto il mondo con le sue scene mozzafiato e il suo messaggio di lealtà e amicizia. Walker interpreta Brian O’Conner, un ex poliziotto che si unisce alla famiglia criminale di Dominic Toretto (Vin Diesel), diventandone uno dei membri più fedeli e affezionati.

La morte di Walker nel novembre 2013 ha sconvolto il mondo del cinema e ha messo in dubbio il futuro di Fast & Furious 7. Il film era ancora in produzione e Walker aveva girato solo una parte delle sue scene. Come fare a continuare il film senza di lui? Come dare una degna conclusione al suo personaggio? Questo è stato il dilemma che ha dovuto affrontare il regista James Wan e il team di produzione.

La tecnologia al servizio dell’arte in Fast & Furious 7

Per risolvere il dilemma, il team di Fast & Furious 7 ha deciso di ricorrere a una combinazione di tecniche cinematografiche. Queste hanno permesso di ricreare le scene di Walker in cui non era presente. Per farlo, si sono avvalsi della collaborazione dei due fratelli di Walker, Caleb e Cody, che hanno prestato il loro corpo e la loro somiglianza fisica al fratello, e della società Weta Digital, specializzata in effetti speciali, che ha sovrapposto digitalmente il volto di Walker a quello dei fratelli, utilizzando anche delle scene tagliate o inutilizzate dai film precedenti.

Il risultato è stato sorprendente, tanto che molti spettatori non sono riusciti a distinguere le scene reali da quelle create in CGI (computer-generated imagery). Il regista James Wan ha dichiarato di aver voluto usare il più possibile scene reali con Walker, e di aver cercato di non far notare il trucco al pubblico, per non distrarre l’attenzione dalla trama e dalle emozioni del film. Il produttore Neal Moritz ha aggiunto che il film è il testamento e il lascito di Walker. Inoltre il suo personaggio ha avuto una fine appropriata e commovente.

Inoltre nell’ultimo film, Fast X, la figlia di Paul ha fatto un’apparizione, come omaggio al padre.

Un tributo cinematografico: l’omaggio a Paul Walker

Nel finale, il personaggio di Brian si ritira dalla vita criminale per dedicarsi alla sua famiglia. Ciò accade in una scena che ha commosso milioni di fan in tutto il mondo. Vediamo il personaggio di Vin Diesel, Dominic Toretto, salutare Brian con un ultimo sguardo e una corsa in auto, mentre in sottofondo si sente la canzone See You Again di Wiz Khalifa e Charlie Puth. Fast & Furious 7 si conclude con una carrellata di immagini di Walker nei vari film della saga, e con la scritta “Per Paul”.

La storia di come Fast & Furious 7 abbia affrontato la scomparsa di Paul Walker è un esempio commovente di tecnologia, talento e rispetto. E mentre la saga di Fast & Furious continua a prosperare, il contributo di Paul Walker rimane impresso nella memoria e nel cuore di tutti coloro che lo hanno conosciuto e ammirato.

Se siete fan della saga, trovate anche maggiori info sul prossimo film!

Facebook
Twitter