Fallout: chi sono i Ghoul? Origini e caratteristiche dei “mutanti”

Nella serie TV di Amazon Fallout, i Ghoul sono una presenza inquietante, nati dalle ceneri dell'apocalisse nucleare e fondamentali nel franchise. Le radiazioni hanno alterato il loro DNA, rendendoli deformi con pelle rossa e raggrinzita, simili a cadaveri. Ecco tutto ciò che c’è da sapere.
Il Ghoul in una scena della serie tv Fallout

Nella nuova serie tv di Amazon Fallout, i Ghoul sono una presenza costante e inquietante. Queste creature deformi nate dalle ceneri dell’apocalisse nucleare, sono un elemento ricorrente del franchise videoludico e televisivo. In particolare in quest’ultimo assumono ruoli cruciali nella trama offrendo un interessante spaccato sulla natura umana in un mondo devastato da un disastro nucleare. Scopriamo tutte le caratteristiche che caratterizzano i Ghoul, e perché sono così importanti in Fallout

L’esposizione prolungata alle radiazioni ha alterato il DNA dei Ghoul, trasformandoli in esseri deformi con caratteristiche peculiari. La loro pelle diventa rossa e raggrinzita, con caratteristiche che li avvicinano più a dei cadaveri che a veri e propri esseri umani. Non a caso la figura del Ghoul nasce proprio come risposta di Bethesda ai classici zombie. Ma, a differenza di quest’ultimi, questi esseri non sono dei veri non morti. Tuttavia, questa trasformazione ha un prezzo: i Ghoul perdono gradualmente la loro umanità, diventando sempre più simili a bestie selvagge.

Cosa sono i Ghoul?

La serie di Fallout mostra i Ghoul in diverse fasi della loro trasformazione. All’inizio, conservano ancora alcuni tratti umani, come la capacità di parlare e ragionare. Tuttavia, con il tempo, la loro mente si deteriora, portandoli a uno stato di ferocia selvaggia. In questa fase finale, i Ghoul diventano creature aggressive e pericolose, incapaci di distinguere amici da nemici. L’unico modo di arrestare l’avanzamento dello stadio è tramite una particolare medicina, molto rara e di difficile reperibilità. Nella serie viene mostrato come la vendita di essere umano garantisce solamente due mesi di terapia. 

Uno dei Ghoul più enigmatici della serie è il personaggio interpretato da Walton Goggins. Noto semplicemente come Il Ghoul, questo individuo misterioso è un cacciatore di taglie spietato e cinico. La sua storia viene raccontata attraverso una serie di flashback che rivelano il suo passato come attore di nome Cooper Howard. Prima della Grande Guerra, Cooper Howard era un uomo felice e di successo, con una moglie e un figlio. La sua vita viene sconvolta dall’esplosione nucleare che lo trasforma in un Ghoul. Devastato dalla perdita della sua famiglia e della sua umanità, Cooper abbraccia la sua nuova esistenza come cacciatore di taglie, diventando un individuo brutale e senza scrupoli.

Il Ghoul, nella serie tv Fallout

Il personaggio di Il Ghoul rappresenta un dilemma morale complesso. Da un lato, è un assassino spietato che non esita a uccidere per denaro. Dall’altro, conserva ancora alcuni frammenti della sua umanità passata, come il ricordo del suo amore per la sua famiglia. Questo conflitto interiore lo rende un personaggio tragico ed affascinante. Nonostante la loro condanna alla trasformazione in creature selvagge, alcuni Ghoul, come Cooper, lottano per mantenere la loro umanità e trovare un posto nel mondo post-apocalittico.

La loro capacità di essere invulnerabili alle radiazioni, unita alla capacità di resistere all’invecchiamento, li rende degli essere ideali per esplorare il mondo devastato dalla Grande Guerra nucleare.  Visti con diffidenza e paura dalla maggior parte degli umani sopravvissuti, sono condannati ad una lenta trasformazione in bestie feroci. Tuttavia, la loro tenace lotta per conservare la loro umanità rappresenta una sfida alla desolazione del mondo post-apocalittico.

La serie tv di Fallout offre un’esplorazione profonda e complessa dell’universo post-apocalittico creato dai videogiochi. I Ghoul, con la loro storia tragica e il loro dilemma morale, sono uno degli elementi più affascinanti e intriganti della serie, di cui trovate la recensione.

Facebook
Twitter