Ezio Greggio su Lockdown all’italiana: “E’ un film divertente, ma toccante”

Ezio Greggio sarà fra i protagonisti di Lockdown all’italiana, il nuovo film di Enrico Vanzina che ha sollevato non poche critiche non poche perplessità per la scelta di portare in scena un momento così drammatico per il nostro paese, quello del lockdown, a emergenza sanitaria ancora ben lontana dalla fine.
Il film ha ricevuto numerosissimi attacchi da giornalisti, politici e numerosi personaggi pubblici. Anche la vedova di Carlo Vanzina, fratello e collega di Enrico, ha scritto parole dure sulla scelta del cognato.

Ezio Greggio, però, intervistato da La Stampa ha sottolineato come le critiche al film siano del tutto infondate dal momento che il film non è ancora arrivato nelle sale italiane. Questo quanto affermato dall’attore:

Il film mostra una grande considerazione per la tragedia che abbiamo attraversato: è un ritratto degli italiani vivi, di quelli che hanno vissuto chiusi in casa. Una commedia feroce nei confronti di un certo tipo di italianità. In tutto questo non c’è nulla di irrispettoso. Il film a tratti è veramente molto toccante. Ci sono delle scene in cui la tragedia è evidente. Abbiamo solo voluto alleggerire il carico su tutto questo raccontando con leggere ironia un certo tipo di italianità che è sotto gli occhi di tutti.”

Ezio Greggio si è poi scagliato contro una parte della stampa, colpevole a suo dire di aver montato un caso mediatico sul nulla:

“Sono stati alcuni giornalisti a creare un simile caso mediatico e tutte queste polemiche. Le critiche sono giunte soprattutto dagli imbecilli che prima ancora di vederlo si sono sentiti in diritto di giudicare in maniera tanto negativa un film”.

L’attore ha quindi cercato di difendere l’operato di Enrico Vanzina, sottolineando come sia importante sdrammatizzare anche in momenti drammatici come quello che stiamo vivendo. Il commento di Ezio Greggio segue quello di Vanzina che, qualche giorno fa, aveva rilasciato dichiarazioni sulla stessa linea.

Questa e altre notizie su CiakClub.it

 

Facebook
Twitter