Eileen: spiegazione del finale del film con Anne Hathaway

Eileen è il nuovo film diretto da Williamo Oldroyd (Lady Macbeth), con protagoniste Thomasin McKenzie e Anne Hathaway, tratto dall'omonimo romanzo. Il finale del film porta alla luce ed alimenta un dubbio ma soprattutto ha un forte significato per il personaggio di Eileen.
Thomasin McKenzie e Anne Hathaway in una scena del film Eileen

Diretto da William Oldroyd, con protagoniste Thomasin McKenzie e Anne Hathaway, Eileen è un thriller tratto dall’omonimo romanzo scritto da Ottessa Moshfegh. Basato su un ambiguo rapporto, al confine tra immaginazione e realtà, ecco la spiegazione del finale del film.

Di cosa parla Eileen

Ambientato nella Boston degli anni ’60, il film racconta la storia di Eileen Dunlop, timida e quasi invisibile agli altri, che vive in una vita infelice e lavora presso una struttura carceraria minorile. Emarginata dai colleghi, le cose sembrano cambiare con l’arrivo di Rebecca, la nuova psicologa del carcere, elegante e del tutto disinvolta, che da subito affascina Elineen con la sua personalità. Eileen scorge quindi una luce in fondo al tunnel, una via d’uscita dalla sua triste vita ma in realtà questo nuovo legame la trascinerà in qualcosa di estremamente pericoloso.

La spiegazione del finale di Eileen

William Oldroyd torna dietro la macchina da presa dopo l’apprezzato Lady Macbeth, stimolato, come lui stesso ci ha raccontato in un’intervista insieme all’attrice Thomasin McKenzie e all’autrice  Ottessa Moshfegh, dalla lettura del romanzo da cui è stato tratto Eileen. Un’idea nata dalla conoscenza del personaggio protagonista e dal desiderio di trattare la psiche umana, portando avanti alcuni dei temi del cinema di Oldroyd quali l’oppressione, la solitudine e il bisogno di libertà. In particolare ad aver attirato l’attenzione del regista è l’ambiguità del personaggio di Rebecca che nel romanzo si scopre essere immaginario.

Nel film invece Rebecca, seguendo alcuni indizi sparsi lungo il film, sembra essere reale anche se la mente fantasiosa di Eileen lascia il dubbio di cosa sia reale o meno. In ogni caso il finale del film, che vede Eileen sparare alla madre di un paziente, rappresenta la svolta da tanto ricercata. È l’atto di ribellione da tanto agognato che permette alla giovane di abbandonare la propria vita, di separarsi dal padre alcolizzato e violento. A prescindere dall’esistenza di Rebecca, Eileen raggiunge il suo obiettivo, dimostrando in ogni caso come vorrebbe essere vista e considerata dal prossimo, cogliendo l’occasione per ricominciare.

Questa la spiegazione dell’enigmatico finale di Eileen che, puntando su una delle giovani attrici in ascesa, lascerà sicuramente più di qualche dubbio allo spettatore. Il film, presentato in anteprima al Sundance Film Festival vi aspetta al cinema dal 30 maggio.

Facebook
Twitter