Edgar Wright: “Spero che Last Night in Soho non venga spoilerato”

Last Night in Soho è, a partire da oggi, presentato nel corso della Mostra internazionale di arte cinematografica di Venezia. Il film di Edgar Wright, che partecipa alla Mostra nella sezione fuori concorso, arriverà nelle sale cinematografiche di tutto il mondo in autunno, il 29 ottobre.
Per questo motivo Edgar Wright ha pubblicato su Twitter una lettera in cui ha chiesto agli spettatori che vedranno il film a Venezia di evitare spoiler sul film:

In “Last Night in Soho”, la nostra eroina Eloise intraprende un viaggio. Prima dalla campagna alla città, e poi in un’altra epoca. Mi piacerebbe che anche il pubblico intraprendesse quel viaggio quando il film uscirà il 29 ottobre. Abbiamo intenzionalmente rimandato il film a questa data autunnale, non solo per poterlo godere sul più grande schermo possibile, ma anche perché le notti siano più lunghe e il pubblico possa avere freddo… letteralmente.”

Edgar Wright ha poi proseguito:

“Io, il cast e la troupe di “Last Night in Soho” siamo così entusiasti di essere presentati in anteprima al Festival del cinema di Venezia e mi piacerebbe chiedere a voi, i nostri primi spettatori, di mantenere i segreti all’interno della sala in modo che altri possano scoprirli in seguito. Quando abbiamo scritto il film, volevamo che tutti quelli che lo vedono scoprissero la storia insieme a Eloise. Quindi, per favore, se potete, mantenete intatta l’esperienza per il pubblico futuro in modo che ciò che accade in “Last Night in Soho”, rimanga a Soho…”

Last Night in Soho, uno dei film più attesi della Mostra, vede nel cast Anya Taylor-Joy, Thomasin McKenzie, Matt Smith e Diana Rigg. Il film è stato scritto da Edgar Wright con Krysty Wilson-Cairns.
Il regista, intervistato dal magazine Empire, aveva presentato così, dopo il rilascio del trailer, il film:

Ho realizzato che non avevo mai fatto un film sul centro di Londra – nello specifico su Soho, un luogo in cui ho trascorso un sacco di tempo negli ultimi 25 anni. Con Hot Fuzz e L’Alba dei morti dementi – Shaun of the Dead, avevo fatto dei film in luoghi in cui avevo vissuto. Questo film è sulla Londra in cui sono esistito

Per altre notizie continuate a seguirci su CiakClub.it

Facebook
Twitter