Echo è la prima serie Marvel Spotlight: perché cambia tutto l’MCU?

Echo è la nuova serie prodotta dalla Marvel. Uscirà questo venerdì su Disney+ e avrà una particolarità: sarà il primo prodotto del colosso statunitense a venire distribuito con il logo Marvel Spotlight. Ma che cos'è? Be', leggete questo articolo e lo scoprirete.
Alaqua Cox è Maya Lopez in una scena della serie Echo

Venerdì 12 gennaio (questo venerdì) uscirà su Disney+ Echo, nuovo prodotto seriale di casa Marvel. Incentrato sulle vicende di Maya Lopez/Echo (interpretata Alaqua Cox) dopo gli eventi della serie Hawkeye. Del personaggio verrà riscoperto il passato e raccontato il futuro, con alcuni personaggi che torneranno (Kingpin, interpretato da Vincent D’Onofrio, Daredevil, messo in scena da Charlie Cox, per fare due graditissimi esempi) e altri che invece faranno la loro prima apparizione.

La serie farà ovviamente parte dell’ampio Marvel Cinematic Universe (recentemente reso ancora più ampio dalla seconda stagione di What If… ?, che trovate qui recensita), ma avrà una particolarità. Per la prima volta, un prodotto del colosso verrà distribuito con il logo Marvel Spotlight. Bene, direte voi, e quindi? Be’, la novità è in realtà più importante di quanto non appaia e cambierà in modo decisivo le modalità creative del MCU.

Che cos’è il Marvel Spotlight?

Il logo di Marvel Spotlight

Marvel Spotlight non è altro che una nuova etichetta. I prodotti che verranno contrassegnati dal logo faranno sempre parte dell’universo MCU, ovviamente, ma saranno più liberi dai vincoli creatisi nel tempo con l’espansione del multiverso e avranno pertanto una natura più indipendente. “I prodotti di questo genere avranno una maggiore libertà di visione. In poche parole: agli spettatori di Echo, per esempio, non sarà necessario aver visto tutte le opere del Marvel Cinematic Universe per comprendere la serie. I prodotti Marvel Spotlight saranno sostanzialmente autosufficienti”, queste le parole di Brad Winderbraum, capo della divisione streaming della Marvel.

Un passo verso i nuovi adepti del franchise e uno verso i fan accaniti invece. “Il nome è tratto dai fumetti omonimi, che erano slegati dalle serie maggiori, e come i fumetti, anche i nostri prodotti saranno autonomi e rispecchieranno le caratteristiche dei personaggi che ritrarranno (anche per questo motivo, Echo è così attesa: potrebbe avere un tono cupo e violento inedito al MCU). Vale per Echo, certo, ma potrebbe valere per molti altri personaggi”, conclude Winderbraum intervenuto al Powwow del popolo nativo americano dei Choctaw. Una notizia certamente interessante che potrebbe avere un impatto importantissimo sul mondo Marvel. Vedremo. Intanto, Echo è pronta a partire. E anche Marvel Spotlight.

E voi, cosa ne pensate di questo progetto? Siete curiosi? Nel caso vogliate scoprire anche le altre uscite di gennaio su Disney+, le trovate qui!

Facebook
Twitter