Die Hard – Un buon giorno per morire, trama e cast dell’action con Bruce Willis

Tutta la saga Die Hard merita un posto nella memoria di qualsiasi persona amante del cinema. L'interpretazione di Bruce Willis ha saputo rendere iconica la figura di John McClane e tutta la sua storia. Una storia che torna in tv oggi con il suo capitolo finale.
Bruce Willis e Jai Courtney in una scena di Die Hard - Un buon giorno per morire

Dal 1988 una saga action-crime risiede negli annali storici del cinema: stiamo parlando di Die Hard. Una serie di pellicole che seguono le vicende di John McClane, un poliziotto dedito al suo lavoro con modi totalmente inusuali e caratteristici, che lo renderanno una vera e propria icona. Questa sera, mercoledì 8 Novembre 2023, su Italia 1 a partire dalle 21.20 torna su piccolo schermo il capitolo finale: Die Hard –  Un buon giorno per morire.

L’incipit del racconto appare sin da subito avvincente: John “Jack” McClane Jr. (Jai Courtney), figlio del celeberrimo protagonista della saga,  è stato arrestato per omicidio a Mosca. Il padre decide così di partire per soccorrerlo, nonostante vecchi dissapori e una certa freddezza reciproca. Giunto a Mosca, però, viene a conoscenza di informazioni nascoste da anni: il figlio è in realtà un agente C.I.A., infiltratosi in territorio nemico per sventare, con l’aiuto di altre talpe, un potenziale attacco terroristico.

L’intreccio di trame di Die Hard trova un exploit completo tanto nel suo protagonista, tanto in chi ne interpreta il ruolo: Bruce Willis veste i panni di John McClane per tutto l’arco narrativo, confermandosi il filo rosso di ciascuna pellicola e caratterizzando un personaggio rappresentativo del macrogenere azione-poliziesco. 

L’agente di polizia semplice, saputosi affermare nel tempo come tenente, ottiene il posto che più gli si addice solo in Un buon giorno per morire: un vero e proprio detective. Willis si trova così a tessere un abito molto diverso dal classico agente 007, per calarsi nei panni di un poliziotto comune istintivo, a tratti esilarante oltre che iconico e che ha saputo richiamare alla memoria certi tratti specifici degli eroi del Western. C’è chi ha persino fantasticato, qualche tempo fa, su quale controparte potrebbe mai essere all’altezza di un Die Hard al femminile.

Die Hard – Un buon giorno per morire sa confermarsi un ottimo titolo conclusivo della saga, appresa ormai da tempo la notizia dell’esclusione di un qualsiasi sequel vista la fusione Disney-Fox, dichiaratesi contrarie ad un ulteriore progetto. Tuttavia, non mancano all’appello ben 5 pezzi di storia da poter apprezzare per sempre, con una in particolare che in periodo natalizio crea da tempo un certo dibattito.

Non resta che goderti in prima serata Die Hard – Un buon giorno per morire: il capitolo che segna la parola fine e firma l’ampio e meritato successo di una piccola saga cult.

Facebook
Twitter