David Fincher su Joker: “Uscito grazie a Il Cavaliere Oscuro”

David Fincher ha parlato di Joker, capolavoro dello scorso anno firmato da Todd Phillips e che ha visto Joaquin Phoenix aggiudicarsi il premio Oscar.

In questa riflessione non ha tralasciato una forte accusa nei confronti degli Studios:

Gli studios non vogliono fare nulla che non garantisca loro un ritorno da un miliardo di dollari, perché temono i rischi. Nessuno avrebbe mai pensato che Joker sarebbe diventato un enorme successo se Il Cavaliere Oscuro non fosse stato il trionfo che è stato. Penso che nessuno avrebbe guardato quel materiale pensando “Sì, dai, prendiamo Travis Bickle [di Taxis Driver] e Rupert Pupkin [Re per una notte] e fondiamoli, poi intrappoliamo il personaggio in una società che volta le spalle ai malati di mente, e portiamolo sullo schermo per un miliardo di dollari.”

David Fincher ha poi parlato anche delle piattaforme streaming, delle offerte che offrono a registi come lui, motivando la sua decisione di lavorare per Netflix per i prossimi 4 anni:

La realtà della situazione attuale è che le cinque major cinematografiche non vogliono fare nulla che non faccia incassare loro almeno un miliardo di dollari. Nessuna di loro vuole fare film nella fascia a medio budget, perché troppo rischiosa. Questo esclude direttamente i film che faccio io. Quello che stanno facendo ora le piattaforme streaming è offrire una piattaforma per il cinema che riflette realmente la nostra cultura e propone grandi idee: la situazione in cui siamo, le ansie delle persone, le loro insicurezze. Sono film che non sarebbero mai usciti al cinema cinque anni fa. […] Sarebbe stato impossibile far uscire un film come Gone Girl, con quel finale così dissonante, sfumato, se non fosse stato basato su un libro in cima alla lista dei bestseller del New York Times.

A proposito di Gone Girl, per chi se lo fosse perso, ecco il trailer del film:

Seguiteci su Ciakclub.

Facebook
Twitter