Cena con delitto – Knives Out, la spiegazione del finale del film

Scritta e diretta da Rian Johnson, Cena con delitto - Knives Out è una commedia di successo del 2019. Con un cast composto da volti del cinema come Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas e Jamie Lee Curtis, ha riscosso grande apprezzamento da parte di pubblico e critica. Scopriamo insieme il finale di questo moderno giallo deduttivo.
I protagonisti di Cena con delitto - Knives Out in un particolare del poster del film

Va in onda oggi 11 gennaio alle ore 21.20 su Rai 2 Cena con delitto – Knives Out, l’avvincente commedia di Rian Johnson. Molto apprezzato da critica e pubblico, anche grazie al suo cast stellare  che vede in scena Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Toni Collette, Don Johnson, Michael Shannon, Lakeith Stanfield, Katherine Langford, Jaeden Martell e Christopher Plummer.

Nel 2022 è arrivato nelle sale cinematografiche il sequel Knives Out – Glass Onion, anche questo molto apprezzato dalla critica e con uno straordinario apprezzamento da parte del pubblico. Il primo capitolo, definito un moderno giallo deduttivo, rielabora tutte le caratteristiche del classico giallo in un’ottica contemporanea.

Dopo la misteriosa morte del famoso scrittore di romanzi gialli Harlan Thrombey, tutti i parenti sono convocati per essere interrogati. La mattina dopo aver festeggiato il compleanno, i parenti trovano l’anziano scrittore deceduto. La sera prima l’uomo aveva invitato tutti i membri dell’intera famiglia, e quindi, se non si è trattato di suicidio, chiunque è sospettato di omicidio. Parliamo adesso del finale del film. Quindi se non l’avete ancora visto fermatevi qui, o attenzione agli spoiler!

La famiglia Thrombey  è composta dai figli Linda e Walter, con i loro rispettivi coniugi, Richard e Donna, e i figli Hugh Rnsom e Jacob, e Joni, la vedova del defunto figlio di Harlan, Neil, sua figlia Meg e la mamma della vittima, Nana. Inoltre, vi sono anche la domestica Fran e l’infermiera Marta Cabrera. Si occupano dell’indagine il detective Elliot e l’agente Wagner, che credono che si sia trattato di un suicidio, e l’investigatore privato Benoit Blanc (Il detective Benoit torna anche nel sequel del film Knives Out – Glass Onion, e Daniel Craig porta sullo schermo un personaggio a suo dire “queer).

Quindi Harlan Thrombey è stato davvero ucciso? La risposta è no. Lo scrittore si è suicidato, ma in seguito a circostanze particolari, per proteggere la sua infermiera Marta. Quest’ultima, a causa di una distrazione, gli aveva dato una dose letale di morfina. Non trovando il naloxone per salvarlo aveva cercato di chiamare i soccorsi. Per aiutarla, Harlan le ha fatto dire nulla e si è suicidato.

Sfruttando le indagini, Marta distrugge alcuni indizi contro di lei, ma la giovane ha un disturbo particolare: vomita quando mente. Alla lettura del testamento, la famiglia Thrombey scopre sconvolta che Harlan ha lasciato tutta la sua eredità a Marta.

Dopo varie peripezie, nel salotto della tenuta Benoit rivela che l’esame tossicologico della vittima è negativo. Ransom, che aveva assunto Blanc, voleva farlo passare come un omicidio. Era stato lui a raggiungere la stanza del nonno scambiando il contenuto dei flaconi dei due farmaci e portando via il naloxone. Ransom voleva vendicarsi dopo aver scoperto del testamento, accusando così l’infermiera di omicidio. 

Inoltre, Ransom aveva bruciato l’ufficio del medico legale per eliminare le prove che dimostravano l’innocenza di Marta. Ora che viene trovato anche il referto tossicologico che Fran aveva nascosto, Marta non può più essere accusata di omicidio. Cena con delitto – Knives Out finisce con l’infermiera, ormai ricca ereditiera, che beve dalla tazza di Harlan che riporta la scritta “My house, my rules, my coffee”.

Facebook
Twitter