C’è ancora domani batte anche Oppenheimer: è il film più visto della stagione

C’è ancora domani non ha bisogno ancora di conferme. Il successo dell’esordio di Paola Cortellesi alla regia è da mesi davanti agli occhi di tutti. I numeri però dicono ancora qualcosa, dopo questo weekend in particolare piazzano il film direttamente al primo posto nella classifica del botteghino italiano. Proprio sopra a Nolan, chapeau!
Paola Cortellesi in una scena del film C’è ancora domani e Cillian Murphy in una scena del film Oppenheimer

Se avete già visto C’è ancora domani avete presente la marea di persone che popola le scene finali. Ecco moltiplicate quella marea per un numero altissimo, perché sempre di più sono gli spettatori che stanno correndo ancora al cinema a vedere l’esordio alla regia di Paola Cortellesi.

Cos’ha in comune, C’è ancora domani, con Oppenheimer di Cristopher Nolan? Il bianco e nero, le sigarette e..? E sicuramente il successo al botteghino. Hanno riportato tantissima gente al cinema, e di questo ogni cinefilo dovrebbe essergli grato.

Per quanto riguarda, l’Italia l’esplosività di una Paola Cortellesi inaspettata e straordinariamente vincente ha riempito più seggioline della bomba di Nolan. 3.980.223 sono gli spettatori di C’è ancora domani, che in questo modo si guadagna il primo posto nella classifica dei film più visti in Italia in questa stagione cintamografica. Oppenheimer si è arrestato a 3.741.331, e il weekend appena concluso ha fatto recuperare lo scarto al film italiano, oltrepassando il successo di Nolan.

La sensibilità italiana è sicuramente più sollecitata da C’è ancora domani, sia per una questione di genere – Cortellesi si ispira fortemente al neorealismo e alla commedia all’italiana – sia per l’ambientazione storico-geografica. Che poi oggi il pubblico sia sempre più attratto dall’azione, dagli effetti speciali e dallo psicologismo di Nolan è un dato di fatto. Ma diciamo che Cortellesi ha dalla sua parte la possibilità di abbracciare una gamma più ampia di pubblico italiano, intergenerazionale. Le donne di qualche generazione fa – vere protagonista di C’è ancora domani – diciamo che forse stavano a casa quando al cinema c’era Oppenheimer.

Suo competitor più diretto, in questo momento al cinema, è Napoleon di Ridley Scott. Anche rispetto all’ultima fatica del regista de Il gladiatore Paola Cortellesi si mantiene in testa e lo batte anche in questa seconda settimana che li vede contemporaneamente nelle sale.

C’è ancora domani non arresta la sua corsa e non guarda in faccia neanche ad un colosso come Nolan. Noi per restare imparziali vi lasciamo leggere sia la recensione del film di Paola Cortellesi, che la recensione di Oppenheimer. Tanto ormai, al cinema, il dado è tratto.

Facebook
Twitter