Bradley Cooper, non solo attore e regista: i 10 film da produttore

Il 2018 è l’anno in cui Bradley Cooper si è presentato al grande pubblico nella nuova veste di regista, dopo la sua acclamata carriera di attore. Quest’anno torna alla regia di Maestro, ma in occasione del suo quarantanovesimo compleanno abbiamo raccolto per voi 10 esempi di un altro suo talento. Ecco i film prodotti da Bradley Cooper!
A Star is Born con Lady Gaga, Joker con Joaquin Phoenix, Trafficanti con Jonah Hill, American Hustle con Christian Bale e Limitless con Robert De Niro tra i film prodotti da Bradley Cooper

Bradley Cooper, quattro volte candidato agli Oscar come Miglior Attore, ancora senza vittoria. Laureato in letteratura inglese, avvia la sua carriera di attore nel film Wet Hot American Summer di David Wain, all’età di ventisei anni. Compare in qualche show televisivo fra cui Sex and the City e arriva al successo nel 2009 con l’inizio della saga Una notte da leoni. Oggi, 5 gennaio, compie 49 anni e non è della sua carriera di attore che vorremmo parlare.

Nel 2018 la sua carriera si accende di un’altra luce, con la direzione del film musicale A star is born. Memorabile l’esibizione con Lady Gaga agli Oscar, e grande è stato l’apprezzamento per il suo primo lavoro da regista. Ruolo che quest’anno, con Maestro, ha affinato ancora di più le sue qualità. Ma neanche di Bradley Cooper regista vorremmo parlare.

Nel frattempo che rivestiva ruoli diventati iconici, riceveva candidature agli Oscar e si apprestava ad intraprendere anche la strada della regia, infatti, Bradley Cooper ha anche prodotto 10 film. In molti di essi partecipando come attore, non in tutti. Nel 2011 produce il suo primo film, e noi abbiamo stilato per voi la lista in ordine cronologico delle opere con lo zampino di Bradley Cooper produttore.

Limitless (2011)

Robert De Niro e Bradley Cooper in una scena del film Limitless

Il 2011 per Bradley Cooper è l’anno del suo film accanto a Robert De Niro. Si tratta di Limitless, diretto da Neil Burger (L’illusionista, Divergent). Inizialmente la star del film sarebbe dovuta essere Shia LaBeouf, poi sostituito proprio da Cooper nei panni di Eddie Morra. Bradley Cooper, però, è anche produttore esecutivo del film e sarà produttore anche della serie tv omonima, realizzata nel 2015 proprio per volere dello stesso Cooper. Il film è tratto dal romanzo The Dark Fields di Alan Glynn e insieme a Cooper, fra gli altri, anche Leslie Dixon che ha sceneggiato il film compare fra i nomi della produzione.

The Words (2012)

Bradley Cooper e Zoe Saldana in una scena del film The Words

Anche nel secondo film da produttore, Bradley Cooper interpreta contemporaneamente il ruolo di protagonista. Il film è The Words, dei registi esordienti Brian Klugman e Lee Sternthal, e Rory Jansen (Cooper) è un aspirante scrittore che spera di vendere il suo primo libro e nel frattempo vive con la fidanzata. La storia di Rory e Dora, a loro volta, è il racconto del libro di Clayton Hammond, anche lui scrittore che sta leggendo pubblicamente il suo ultimo romanzo ed è, appunto, la storia che vediamo nel film. Il film non ebbe un largo riscontro di pubblica e critica, ma Cooper accettò di essere produttore esecutivo di The Words per condividere con Klugman e Sternthal, suoi due amici di infanzia, la gioia del loro primo film.

Il lato positivo – Silver Linings Playbook (2012)

Jennifer Lawrence e Bradley Cooper in una scena del film Il lato positivo

Il lato positivo è la prima collaborazione di Bradley Cooper col regista David O. Russell e il secondo set condiviso con Robert De Niro. Anche per questo film Cooper non è soltanto il protagonista, Pat Jr., con cui viene candidato per la prima volta agli Oscar, ma è anche produttore esecutivo. Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Matthew Quick, che i fratelli Weinstein hanno avuto intenzione di rendere un film prima ancora che il libro venisse pubblicato. Russell, che è anche sceneggiatore, è stato messo in allerta che si trattava di una riscrittura complicata, mentre pare sia riuscito a rendere perfettamente il mix di inquietudine ed umorismo che caratterizza la storia. Non solo Cooper è produttore di questo film, girato in 33 giorni: per il ruolo di Pan pare sia diventato anche un sorprendente ballerino senza aver mai preso prima lezioni di danza.

American Hustle – L’apparenza inganna (2013)

Jeremy Renner, Christian Bale e Jennifer Lawrence in una scena del film American Huste

Ecco il bis di David O. Russell – Bradley Cooper. American Hustle è uno dei film con il quale Bradley Cooper ha riscosso il miglior successo come attore. La sua interpretazione – insieme a quelle di Christian Bale, Amy Adams e Jennifer Lawrence – è stata fra le più apprezzate. Interpreta l’agente FBI Richie DiMaso, in una storia che indaga sulla corruzione del Congresso degli Stati Uniti d’America e ha a che fare con truffatori, affari loschi, investitori e sceicchi. Il film fu un successo, con ben 10 nomination agli Oscar (senza alcuna vittoria), e fra i produttori esecutivi insieme a Cooper troviamo Eric Warren Singer, co-sceneggiatore del film. Bradley Cooper, nel ruolo appunto di produttore esecutivo, ha avuto a che fare anche con l’interruzione delle riprese, causata dagli attentati alla maratona di Boston del 2013.

American Sniper (2014)

Bradley Cooper in una scena del film American Sniper

Il salto, da produttore esecutivo a produttore cinematografico. In American Sniper di Clint Eastwood Cooper non è soltano il SEAL Chris Kyle, ma è anche fra i nomi dei concreti realizzatori del film. Fra quelli che, agli Oscar del 2015, sono stati nominati per la statuetta di Miglior Film. Per quest’opera pare che Cooper inizialmente volesse essere soltanto produttore: il protagonista sarebbe stato Chris Pratt e alla regia si sono susseguiti prima ancora David O. Russell, poi Steven Spielberg, infine Clint Eastwood. American Sniper è l’adattamento del libro autobiografico del vero Chris Kyle, e da quando nel 2012 la Warner Bros ne ha acquisito i diritti, la prima certezza fu che Bradley Cooper avrebbe prodotto il film.

Trafficanti (2016)

Jonah Hill e Miles Teller in una scena del film Trafficanti

Ormai Bradley Cooper non retrocede e continua ad essere produttore cinematografico dei film in questa lista, non più esecutivo. Trafficanti del 2016 è la prima collaborazione con Todd Phillips, di cui torneremo a parlare fra poco insieme a Cooper. Questa volta Bradley Cooper ha un ruolo minore come attore, mentre i protagonisti sono Miles Teller e Jonah Hill. Essi sono due trafficanti di armi che ottengono un accordo con il governo per le forniture in Iraq. Il film è tratto da un articolo di Guy Lawson su Rolling Stones e per Philips si tratta del lavoro subito precedente all’acclamato Joker.

A star is born (2018)

Bradley Cooper e Lady Gaga in una scena del film A star is born

Con A star is born potremmo gridare al “One Man Show“. Bradley Cooper è regista, produttore, co-sceneggiatore e protagonista del film con cui debutta alla regia e spopola agli Oscar. Due, appunto, le nomination per Cooper: come Migliore Attore Protagonista e per il Miglior Film (in cui vengono premiati i produttori). All’esordio alla regia di Cooper corrisponde il debutto come attrice di Lady Gaga (mentre inizialmente il suo ruolo era previsto per Beyoncè). A star is born è il remake di È nata una stella del ’73, e alla regia si pensò a Clint Eastwood per un primo momento, prima di parlare allo stesso Cooper. Anche per il personaggio di Jackson inizialmente era stato pensato un altro nome, quello di Tom Cruise. Alla fine Bradley Cooper da solo produttore divenne tutto il resto e conquistò il suo larghissimo e definitivo successo.

Joker (2019)

Joaquin Phoenix in una scena del film Joker

Questa volta Bradley Cooper è riuscito ad essere produttore senza avere alcun altro incarico. Il regista è Todd Philips, il protagonista Joaquin Phoenix, e Cooper porta a casa agli Oscar la nomination al Miglior Film. Il progetto di Joker era originariamente sotto la produzione di Martin Scorsese in persona: Cooper si aggiunge al progetto nel 2018, dopo la sostituzione di Scorsese con Emma Tillinger Koskoff. Il successo del film è ormai più che appurato, soprattutto per mezzo della magistrale interpretazione di Phoenix (sapreste dire chi è il miglior Joker della storia del cinema?). Per Cooper fu sicuramente un capitolo di grande qualità nella sua carriera di produttore.

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley (2021)

Bradley Cooper in una scena del film La fiera delle illusioni

Il ruolo di Bradley Cooper ne La fiera delle illusioni è stato fondamentale soprattutto per il regista Guillermo Del Toro. Cooper è il protagonista del film, Stan, ma è anche produttore. Il film pare abbia avuto una svolta durante la sua realizzazione proprio grazie al dialogo di Del Toro con Cooper. Il regista ha affermato di aver “trovato una benedizione all’età di 56 anni in questo film: la meraviglia della complicità e della curiosità“. Del Toro ha parlato in molte interviste di come il fatto che Cooper sia anche regista abbia cambiato il suo modo di girare il film e soprattutto della sorpresa di trovare, nella sceneggiatura, un modo per rendere il film l’esatta visione del mondo di due uomini che lavorano insieme.

In veste di produttore, Cooper ha dovuto fronteggiare lo stop delle riprese, spaventati dal crescente dilagare del COVID-19. Insieme a Del Toro hanno definito lo stop un toccasana per il film perché ha concesso loro “una finestra per guardare il tutto”. Due anni di produzione e lavoro, con una pandemia diversa. Per Del Toro e Cooper, con Nightmare Alley, “non solo siamo diventati amici per tutta la vita, ma è stata un’esperienza artistica

Maestro (2023)

Bradley Cooper e Carey Mulligan in una scena del film Maestro

Per ora siamo a 10, e il numero 10 di questa lista non può che essere Maestro. Un biopic ambizioso per Bradley Cooper, ancora una volta regista, produttore, co-sceneggiatore ed attore. Un lavoro che si presta benissimo come conclusione di questo articolo perché esprime l’impronta autoriale che può dare ad un film il ruolo del produttore, in questo caso con la P maiuscola. Accanto a Bradley Cooper che interpreta Leonard Bernstein, Carey Mulligan è sua moglie Felicia Montealegre, in una storia di un matrimonio incredibilmente rispettosa ed ispiratrice. Dopo la presentazione a Venezia, Maestro è attualmente su Netflix e la scalata verso gli Oscar sembra appena iniziata.

Tanti auguri Bradley Cooper, al tuo prossimo One Man Show!

Facebook
Twitter