Bodkin: la spiegazione del finale della serie Netflix

Tra le serie del momento, Bodkin unisce una fortissima vena comica ad una sfumatura crime sempre ben accetta. Ambientata in Irlanda, la serie targata Netflix sta registrando un importante incremento di visualizzazioni. Ma qual è il finale della serie? Leggete qui per scoprilo, con, ovviamente, un occhio di riguardo per gli ovvi SPOILER. Leggete qui!
Will Forte, Siobhán Cullen e Robyn Cara in una scena della serie tv Bodkin

Tra le serie più accattivanti del momento, Bodkin occupa sicuramente un posto particolare. Interamente ambientata in Irlanda, con attori e ambientazioni altrettanto irlandesi, la serie, prodotta da Netflix, è un gioiellino perennemente a cavallo tra commedia e dramma, con parecchi spunti tratti dalla società contemporanea (dalla sempre maggiore influenza dei podcast ai metodi poco corretti del giornalismo) e dalla tradizione crime.

Tra le uscite più interessanti del mese in corso, Bodkin è stata distribuita il nove maggio scorso. Uscita un po’ in sordina, la serie sta riscuotendo via via sempre maggiore successo. Trainata dalla comica presenza di Will Forte e da un ricco cast di interpreti perlopiù irlandesi, la serie è una brillante sequenza di momenti comici, uniti tra loro da un mistero che aleggia sulla cittadina di Union Hall. Per scoprire qualcosa sulla trama e sul finale della serie, quello che dovete fare è semplicemente continuare la lettura del nostro articolo.

Di cosa parla Bodkin

Gilbert è un podcaster di grande fama ma dai metodi non sempre etici. Intenzionato a raccontare ai suoi ascoltatori un tradizionale festival irlandese, l’uomo si reca nel paese europeo, in particolare nella piccola cittadina di Union Hall, con la ferma intenzione di ritrarre l’evento e di esplorare i fatti criminosi nel passato della località. Qui si trova però davanti a una realtà ben diversa da quella che si aspettava. La cittadina si rivela infatti come il centro di alcuni eventi criminosi anche nel presente.

Il podcaster si trova così coinvolto nella vicenda. Grazie all’aiuto di una giornalista appena tornata dall’Inghilterra, Dove, e alla ricercatrice Emmy, con le quali avrebbe dovuto realizzare una puntata del podcast, incentrata sulla sparizione di alcune persone negli anni Novanta, Gilbert inizia così a fare luce sui vari crimini del presente, che sembrano coinvolgere alcune figure della cittadina, tra cui Seamus Gallegher e il giovane Sean O’Shea. Arrivati a questo punto, solito avviso: allerta SPOILER. Ora possiamo addentrarci nell’ultima puntata, e quindi nella conclusione, della serie.

La spiegazione del finale di Bodkin

Eccoci arrivati al finale della storia (che potrebbe essere tratta da una vera?). Gilbert, uscito di galera, riesce a raggiungere Emmy. I due arrivano così a casa della madre di Sean O’Shea, la cui macchina era precedentemente stata bruciata. La donna si rivela come colpevole del sabotaggio: voleva tenere i due alla larga dal figlio. Contemporaneamente, Dove riesce ad incastrare Seamus Gallagher, rivelatosi un contrabbandiere di anguille precedentemente legato alla famiglia malavitosa dei McArdles. Famiglia criminale che, in questo finale, torna a minacciarlo.

La situazione però arriva a un punto cruciale. Sean sembra sul punto di tradire gli intenti di Seamus, vendendo le anguille ad altri acquirenti, quando Gilbert fa irruzione e rivela che i due sono figlio e padre, con la madre, Fiona, che era stata una delle vittime degli eventi del passato (sì, quelli che dovevano essere al centro della puntata del podcast), poi morta facendo nascere il giovane: una delle persone sparite era dunque la madre di Sean e la compagna di Seamus. Nonostante questo, Sean non accetta la verità e Seamus impazzisce.

Nel momento in cui sta per sparare a colei che ha rivelato la verità, la madre adottiva di Sean, il giovane lo ferma e viene colpito al pollice. Seamus fa quindi esplodere gli esplosivi come previsto, senza però raggiungere lo scopo e probabilmente venendo catturato dai McArdles. Gilbert si salva al pelo, mentre le sue due sodali cambiano radicalmente i piani per la loro vita.

E voi, avete visto Bodkin? Cosa ne pensate? Fatecelo sapere!

Facebook
Twitter