Alberto Barbera: “La differenza fra Netflix e una grande casa di produzione è minima”

In questi giorni si sta svolgendo la 78° edizione della Mostra internazionale di Arte Cinematografica di Venezia. Molti dei film presentati nelle varie sezioni della Mostra stanno ricevendo critiche entusiastiche sia da parte del pubblico sia da parte della critica.
Intervistato da Deadline, Alberto Barbera, direttore aristico della Mostra, ha parlato del successo che potranno avere in ottica Oscar film come Dune, Spencer ed É stata la mano di Dio e della qualità dei film presenti quest’anno a Venezia:

“Credo che sia un’annata eccezionale in termini di qualità. Non ricordo di essere mai stato nella stessa situazione nell’ultimo decennio. Abbiamo visto così tanti film di qualità durante il processo di selezione che non sapevamo come scegliere. Abbiamo dovuto rifiutare alcuni film che in un anno normale saremmo stati ben lieti di invitare. Questo è un anno eccezionale. Perché? Non non saprei dirlo. Ci sono film che sono rimasti nel cassetto, ma questo spiega solo in parte l’alta qualità generale. Ci sono registi che hanno fatto i loro migliori film da anni.”

Barbera è poi intervenuto sulla qualità dei film prodotti da Netflix presenti alla mostra, The Power of Dog, di Jane Campion, ed É stata la mano di Dio, di Paolo Sorrentino:

Penso che, in generale, stia migliorando la qualità. Sappiamo che ormai molte piattaforme hanno un ruolo centrale nella produzione. Quando l’emergenza finirà, ci troveremo di fronte a un panorama molto diverso. La relazione tra piattaforme e industria cinematografica sarà opposta a quella del passato. Ci sono così tante piattaforme guidate dai maggiori protagonisti del mercato. Netflix, Amazon, Apple, Disney, Comcast, Warner Bros, tutti stanno scommettendo sullo streaming…”

Circa l’uscita in streaming dei film presentati da Netflix e da altre piattaforme streaming, Alberto Barbera ha così dichiarato:

Qual è la differenza tra Netflix e qualsiasi altra casa di produzione oggi? La differenza è minima. In futuro la differenza scomparirà del tutto. I film di Sorrentino e Jane Campion avranno per alcune settimane un’uscita cinematografica esclusiva. Non possiamo prevedere esattamente ciò che sarà, ma penso che ci sia un vantaggio per tutti. La competizione è in termini di contenuti. Un sacco di soldi vengono investiti in molti tipi diversi di contenuti. Anche i consumatori vincono.”

Per altre notizie continuate a seguirci su CiakClub.it

Facebook
Twitter