Baby Reindeer: la mail di Marta sono reali? Il retroscena è inquietante

La serie più chiacchierata dell’ultimo periodo è senza ombra di dubbio Baby Reindeer, titolo Netflix che ha catturato le attenzioni grazie alla sua storia sconvolgente. Continuano ad uscire dettagli inquietanti sulla storia vera dietro la serie, come quello che vi raccontiamo oggi.
Richard Gadd e Jessica Gunning in una scena della serie tv Baby Reindeer

Su Netflix è sbarcata una serie che sta facendo parlare molto di sé. Si tratta di Baby Reindeer, una black comedy scritta, ideata e interpretata da Richard Gadd. Ad aver da subito portato la serie alle attenzioni del pubblico non è solo l’atmosfera perturbante che circonda l’intera vicenda, ma soprattutto il fatto che tutto ciò che viene narrato è tratto da un’esperienza reale dello stesso Gadd. 

Di questa storia ve ne abbiamo già parlato in un articolo dedicato, ma sembra che le stranezze continuino a saltare fuori una dopo l’altra. Un nuovo inquietante dettaglio ha aumentato notevolmente le attenzioni rivolte nei confronti del titolo Netflix e riguarda i vari messaggi che il protagonista riceve dalla sua stalker Martha.

Baby Reindeer: le e-mail della stalker

A quanto pare, infatti, Richard Gadd non ha solo voluto trasporre la sua traumatica esperienza, ma ha fatto sì che il tutto fosse legato il più possibile con la realtà. Il confine tra finzione e realtà si assottiglia sempre di più soprattutto quando sono i dettagli a far paura. In soli quattro anni, Gadd ha ricevuto una quantità astronomica di messaggi dalla sua stalker. Si parla di circa 41.071 mail, 350 ore di messaggi nella segreteria telefonica, 744 tweet, 46 messaggi su Facebook e 106 pagine di lettere scritte a mano.

A quanto pare, tutti i messaggi che nella serie, il personaggio di Martha, della quale vi abbiamo parlato in questo articolo, invia a Donny, sono gli stessi che Gadd a ricevuto dalla sua stalker nella vita vera. “Ho bisogno di un ragazzo che voglia prendersi cura di me, lui che sembra un cucciolo di renna” – oppure – “È un bel po’ che non vai più al pub piccola renna?? Che ti sta succedendo?” – ancora- “Cucciolo di renna se non vuoi che venga in casa tua, perché allora continui a passeggiare nel vialetto di casa?”, sono solo alcune delle inquietanti frasi che Gadd ha ricevuto dalla sua persecutrice. 

Baby Reindeer è disponibile su Netflix per tutti gli abbonati. Addentratevi con cautela in questo ossessivo e allarmante viaggio nel trauma di Richard Gadd. Noi vi aspettiamo nei commenti per sapere cosa ne pensate della serie e non temete, noi di CiakClub non faremo come Martha.

Facebook
Twitter