Asteroid City: in che anni è ambientato (e perché c’è una Bomba H)

Asteroid City è arrivato al cinema dopo la sua presentazione al Festival di Cannes lo scorso maggio. Diretto dal regista statunitense Wes Anderson il film è ambientato e contestualizzato in un luogo e in tempo non esattamente ben definiti. Non vi resta che proseguire con la lettura per saperne di più.
Asteroid City: in che anni è ambientato (e perché c'è una Bomba H)

Avvolte da colori pastellati, le location e le scenografie dei film di Wes Anderson sono sempre affascinanti, o comunque particolari. E anche per Asteroid City, vale lo stesso discorso. Il film è uscito oggi nelle sale italiane dopo l’anteprima mondiale lo scorso 23 maggio all’ultima settantacinquesima edizione del Festival di Cannes.

Il film ha riunito volti di grandissima qualità del panorama cinematografico globale, mettendo insieme un cast come ce ne sono pochi. Come già detto sopra, anche le location scelte dal regista statunitense non sono mai banali. Proprio in merito a questo, guardando il film, dove vi sembra ambientato, ma soprattutto in che anni vi sembra ambientato? Vediamo se riusciamo a trovare una risposta.

Asteroid City, dove e soprattutto quando?

La città di Asteroid City
La città di Asteroid City

Chiariamo subito un punto. Non esiste nessuna città chiamata così. Il regista texano l’ha semplicemente creata in un area in cui ci sono state presunti veri contatti con alieni. L’area di riferimento abbraccerebbe Utha, Nevada e Arizona. La zona che, d’altronde, ospita anche la famosa Area 51.

Sul periodo in cui è ambientato il film, si può arrivare ad una risposta. Siamo circa a metà degli anni ’50. Tra l’altro, nel film sono presenti anche test sulla bomba ad idrogeno, perfettamente contestualizzati in quegli anni. Un 2023, insomma, in cui diversi registi hanno deciso di parlare dei test atomici. Vero Christopher Nolan? Infatti anche la cittadina fatta costruire dal fisico in Oppenheimer nel New Mexico, ricorda un po’ questa.

Insomma, voi avete già visto Asteroid City? E per coloro che hanno già avuto modo, cosa ne pensate? Vi è piaciuto? A noi sì, ma siamo più che curiosi di conoscere il vostro pensiero. Quindi, fatecelo sapere!

Facebook
Twitter