Anthracite, spiegazione del finale della serie Netflix

Anthracite, la serie con un vortice di misteri più intricati di sei stagioni di Lost, è sbarcata su Netflix ad aprile. Con una trama così densa di enigmi, ricostruire il puzzle narrativo è una sfida che mette a dura prova anche gli spettatori più attenti. In questo articolo cerchiamo di decifrare il finale che ha tenuto tutti con il fiato sospeso.
poster della serie Anthracite

Anthracite, la serie creata da Fanny Robert, ha sconvolto gli abbonati di Netflix nel mese di aprile. La trama trae spunto da fatti realmente accaduti nelle Alpi francesi nel 1995. In quell’anno, sono stati ritrovati sedici membri della controversa setta conosciuta come l’Ordine del Tempio Solare. Questi individui erano morti per suicidio e disposti a forma di stella, proprio come se avessero effettuato un rituale magico. La serie parte da questi fatti che sconvolsero l’opinione pubblica dell’epoca, per raccontare una storia originale che porta lo spettatore dritto in quegli ambienti spettrali e desideroso di scoprire i diversi misteri legati al caso.

Di cosa parla Anthracite

La serie Anthracite si snoda tra il passato e il presente, raccontando contemporaneamente gli eventi del 1994 e quelli del 2024. Inizia nel 1994, quando una squadra SWAT irrompe nella casa nota per essere il ritrovo di una setta. All’interno, i membri della setta sono tutti morti tranne il loro leader, Caleb, che viene rinchiuso in un ospedale psichiatrico.

Trent’anni dopo, nel 2024, seguiamo la storia di Ida, una detective del web. Ida decide di recarsi nella città di Levionna, in Francia, per ritrovare suo padre, il giornalista Solal, che nel passato aveva documentato il caso della setta. Solal era tornato in quei luoghi per indagare su un altro fatto di cui Ida non è a conoscenza, e di conseguenza neanche lo spettatore. Tuttavia, Solal viene rapito, spingendo Ida a recarsi in quelle lande desolate per scoprire cosa sia successo al padre.

Una volta arrivata a Levionna, Ida fa la conoscenza di Jaro, un ex detenuto accusato dell’omicidio di una ragazza avvenuto proprio in quei giorni. Ida crede alla sua innocenza, e insieme cercheranno di scoprire quali misteri si celano dietro al rapimento del padre e l’omicidio della ragazza, e se questi sono legati alla setta che anni prima aveva sconvolto la città.

Spiegazione del finale di Anthracite

Il finale controverso della serie Anthracite, presente sulla piattaforma Netflix che questo mese ha aggiunto al catalogo titoli interessanti, ha lasciato molti spettatori con numerosi punti interrogativi. Per rendere più chiaro ciò che viene mostrato all’interno della serie, esploreremo i dettagli cruciali.

Ida, frugando tra le cose di suo padre, ritrova alcune videocassette sugli eventi del 1994. Da queste apprende che qualche giorno prima del suicidio di massa della setta, venne ritrovata una ragazza di nome Roxanne Vial, morta con l’antracite sparsa sul viso, una pratica comune della setta. Roxanne era un’amica di Juliette, la madre di Jaro. Dopo il suicidio di massa, Juliette rimase molto legata a Caleb, tanto da andarlo a trovare spesso in ospedale e raccontargli di un uomo che le faceva visita ogni notte. Inoltre, Ida scopre dalle videocassette che nella setta c’era un bambino di cui non è rimasta nessuna traccia. Questo fatto la porta a sospettare che possa essere lui il killer sia nel passato che nel presente.

Nuovi dettagli emergono quando Ida scopre che l’ex agente di polizia Denis, ora in pensione, avvelenò i membri della setta. Denis credeva che quel rituale potesse aiutarlo a guarire dai suoi malanni. Nel presente, Denis si avvelena in un atto di disperazione dopo che la verità è venuta a galla. Dopo diverse ricerche e grazie all’aiuto di Jaro, Ida riesce a ritrovare suo padre. Una volta trovato, apprende delle verità sconvolgenti grazie a una videocassetta che suo padre ha sempre tenuto con sé: Ida non è la figlia di Solal, ma di Juliette e Caleb, apprendendo così di essere la sorella di Jaro. Inoltre, scopre che Juliette è stata vittima di stupro da parte di Caleb.

Nel frattempo, Caleb fugge dall’ospedale psichiatrico e promette a Ida di rivelarle la verità, poiché quello che ha appreso non è il vero. Successivamente, apprendiamo che Caleb era stato sedotto da una certa Valerie Faurie, ossessionata dai culti. Valerie fece di tutto per farsi mettere incinta da Caleb. Da questa unione nacquero due gemelli: un maschio cresciuto nella civiltà per diventare un medico famoso e una femmina cresciuta in una miniera per dare sfogo alla malvagità della madre. Nel presente, è proprio la figlia di Valerie a compiere gli omicidi per ordine della madre. Grazie all’aiuto di Caleb, Ida riesce a fermarla e a svelare i segreti oscuri che circondano la setta e la sua famiglia.

Inoltre, alla fine apprendiamo che Solal era tornato in città per cercare un donatore compatibile per sua figlia Ida, al fine di permetterle di effettuare un intervento chirurgico. Tuttavia, si scopre che il DNA di Caleb e Ida non corrisponde, quindi Ida non è la figlia di Caleb. Jaro, da una delle videocassette, scopre che l’uomo che andava a trovare Juliette ogni notte era Claude, il fratello di lei, il quale la stuprava. Da questo tragico evento Juliette rimase incinta, dando la vita a Ida. Dopo questa scoperta, Jaro cerca di uccidere suo zio, ma viene bloccato da Ida. Tutto si risolve, ma la serie termina con una scena post-credit che lascia immaginare che Ida sta per essere coinvolta in un nuovo caso di omicidi.

Speriamo di essere stati esaustivi nella spiegazione del finale di Anthracite. Se ci è sfuggito qualche dettaglio vi invitiamo a scriverlo nei commenti attraverso i nostri social. Per restare aggiornati su cinema e serie tv restate seguiteci sul nostro sito CiakClub.it.

Facebook
Twitter